lunedì 21 ottobre 2019

Venerdì 25 ottobre sciopero generale. I servizi garantiti dall’Azienda Usl di Bologna

L'Azienda USL di Bologna informa:

Venerdì 25 ottobre le Organizzazioni Sindacali CUB, SGB, S.I. COBAS e USI-CIT, hanno proclamato uno sciopero generale dell’impiego pubblico e privato.
Per quanto riguarda l’Azienda Usl di Bologna, lo sciopero interessa gli operatori dell’area comparto (infermieri, operatori socio sanitari, tecnici sanitari, ostetriche, personale della riabilitazione e amministrativi) e della dirigenza medica, sanitaria, tecnica, professionale e amministrativa.
L’Azienda USL di Bologna assicura i livelli minimi di attività previsti dall’accordo sindacale in caso di sciopero, in linea con le disposizioni normative di riferimento.

In particolare, oltre all’assistenza di base e alle urgenze, l’Azienda Usl di Bologna garantisce le seguenti attività

-    Emergenza 118, Centrale Operativa 118, Pronto Soccorso, trasporti sanitari assistiti
-    Terapie Intensive, Rianimazione e attività di Emodinamica
-    Salute Mentale: urgenze nei servizi psichiatrici di diagnosi e cura, Trattamento Sanitario Obbligatorio, REMS, Cento di Salute Mentale
-    Dialisi: trattamenti di emodialisi in tutti i centri Dialisi Ausl
-    Ostetricia - Ginecologica e Assistenza Pediatrica: accettazione urgenze ostetrico-ginecologiche, sala travaglio parto, terapia intensiva neonatale, pronto soccorso pediatrico
-    Blocchi operatori – Endoscopie: garantite le prestazioni collegate all’attività di emergenza
-    Diagnostica per immagini: garantite le prestazioni collegate all’attività di emergenza e a percorsi terapeutici oncologici 
-    Riabilitazione Ospedaliera, Fisioterapia e Logopedia presso Ospedale Maggiore, Fisioterapia presso Corte Roncati e Ospedale Bellaria, Fisioterapia e Terapia Occupazionale presso Casa dei Risvegli
-    Day Service Ambulatoriale Area Oncologica: assicurati trattamenti chemioterapici
-    Laboratorio Unico Metropolitano, Anatomia Patologica, Servizio Trasfusionale, Casa del Donatore
-    ISNB (IRCSS), assicurata l’assistenza sanitaria di base in tutte le aree di degenza ordinaria, l’attività di urgenza dei laboratori di neuro fisiopatologia interventi di diagnostica neuro radiologica in urgenza
-    Punti prelievo Ospedalieri e Territoriali: esecuzione prelievi TAO, urgenze indifferibili (entro 24 ore), controlli terapie, percorsi nascita
-    Assistenza Domiciliare: esecuzione prelievi, TAO, urgenze indifferibili (entro 24 ore), controlli terapie. Attività terapeutiche ed urgenze non procrastinabili
-    Servizi Dipendenze Patologiche (SERT): garantita la continuità assistenziale nella distribuzione di metadone
-    Sanità Pubblica: garantiti gli interventi e le attività nei casi di urgenza nei servizi di Igiene Pubblica e degli alimenti, Tutela ambienti di lavoro, Veterinario, Funzione Clinico Assistenziale.

A Castiglione dei Pepoli arrivano centomila euro per il teatro

Si avviano alla conclusione i lavori per il teatro polivalente di Castiglione dei Pepoli


L'Unione dei Comuni dell'Appennino informa: 


Il Comune di Castiglione dei Pepoli ha ottenuto un finanziamento regionale di 100 mila euro che saranno investiti per il teatro polivalente comunale: la struttura sarà pertanto arricchita di ulteriori strumentazioni tecniche e arredi. La Regione ha infatti stanziato 2,8 milioni di euro finanziando 31 programmi territoriali selezionati tra quelli presentati dai piccoli comuni, tra cui quello del Comune appenninico.

«Questo finanziamento ci permetterà di fare un salto di qualità» spiega il sindaco Maurizio Fabbri «perché si aggiunge agli investimenti già fatti per la struttura, per i quali i lavori sono già avviati alla conclusione. Grazie però a queste nuove risorse e a ulteriori 60 mila euro del nostro bilancio doteremo il teatro di strumentazioni e accessori all'avanguardia per la proiezione, le luci di scene, l'acustica, l'arredo».

Il teatro polivalente di Castiglione dei Pepoli sorge in una zona strategica, vicino al centro storico, ma è chiuso da tempo. L'amministrazione comunale si è presa da tempo l'impegno di ristrutturarlo: gli interventi sulla struttura si avviano ormai alla conclusione con la posa dei pavimenti.


Ed è proprio di questi giorni la notizia dell'avvio delle masterclass a cura della “Accademia Le Muse” diretta dall'attrice Gianna Martorella che porteranno a Castiglione dei Pepoli artisti e insegnanti del calibro di Luca Pitteri e Marco Vito. In questo momento le lezioni sono ospitate dal FabLab di Officina 15 sempre a Castiglione, ma l'obiettivo è quello di aprire il nuovo teatro ai giovani talenti che prenderanno parte ai corsi.

Multe a chi percuote i castagni, succede nel modenese

A Montecreto: sanzioni da 25 a 500 euro

"Vietato percuotere i rami per far cadere i ricci o strappare gli stessi". A Montecreto, comune sull'Appennino Modenese, è stata firmata un'ordinanza dal sindaco Leandro Bonucchi per frenare i comportamenti dei 'cacciatori' di castagne e tutelare in questo modo gli alberi. A riportarlo è la Gazzetta di Modena. Il provvedimento, che ha un valore temporale illimitato, prevede multe che vanno dai 25 ai 500 euro nei confronti dei trasgressori e che sarà, nel caso, la polizia locale ad elevare.
    "Sono fiero di questa ordinanza - spiega direttamente il primo cittadino - e spero che altri sindaci ne adottino di analoghe a tutela dei castagni sui loro territori. Troppe volte per una manciata di castagne si sono visti, un po' dappertutto, episodi di assalto ai rami da far rabbrividire".


Settimana dell’Intercultura a Casalecchio di Reno

Patrimoni comuni: dalle differenze ai legami che trasformano. Incontri, spettacoli, percorsi di studio, cena multiculturale
 
Dal Comune di Casalecchio di Reno 
 
Decima edizione della Settimana dell’Intercultura 'Incontri di MOnDI' a Casalecchio di Reno da oggi, 21, al 25 ottobre prossimi. Il preogramma  ha per titolo “Patrimoni comuni: dalle differenze ai legami che trasformano”.

Oggi , dalle 17 alle 19, nella  sala consiliare del Municipio, incontro di apertura. Verrà illustrato il progetto di ricerca sul campo dell’Università di Bologna condotta in Calabria (Riace, Gioiosa Jonica, Stignano, Camini, Caulonia), in Campania (Petruro Irpino), nelle Marche, in Piemonte (province di Biella e Cuneo, Val Pellice).
Il team ha indagato le interazioni sul piano culturale ed economico tra comunità locali e immigrati, là dove, grazie a politiche e progetti di integrazione virtuosa, la presenza di immigrati è trattata come una risorsa utile a dare nuova linfa al tessuto economico e sociale. Il fine della ricerca è di produrre una documentazione audio-video per raccontare, con rigore accademico, un aspetto dell’immigrazione che in Italia viene raccontato solo marginalmente e sporadicamente.
Parteciperà anche Sebastiano Miele, che presenterà Ghetto Out, il progetto dell'Associazione Come Pensiamo (Study Visit finanziata dal Programma Erasmus Plus) che ha portato a Foggia 24 operatori europei per studiare la realtà dei migranti.

 L’incontro è ad accesso libero fino ad esaurimento posti.

Giovedì 24 ottobre alle 19.30 presso la scuola primaria Ciari, cena multiculturale per grandi e piccini di ogni Paese, con musica dal vivo. Anche quest’anno si realizzerà la serata della cena con menù multietnico di Melamangio Spa accompagnata dalla musica dal vivo e animazione di Tabala Thioune – Africa Ritmo.
La serata sarà in collaborazione con le famiglie straniere, il CCRR (Consiglio Comunale dei Ragazzi e delle Ragazze di Casalecchio di Reno) e le volontarie del Servizio Civile Regionale di LInFA.

Tanti  altri sono gli appuntamenti di cui alcuni ad ingresso libero ed altri riservati al personale educativo (insegnanti, educatori, operatori, personale dei nidi di infanzia, personale del volontariato).

Il programma completo è online sul sito www.comune.casalecchio.bo.it
#IncontridiMondi


domenica 20 ottobre 2019

Allerta temporali per le zone occidentali della Regione

Misura disposta dalla mezzanotte di oggi a quella domani

 © ANSA

Allerta 'gialla' per temporali e criticità idraulica, dalla mezzanotte di oggi a quella di domani, nelle zone collinari del Modenese, Reggiano, Parmense e Piacentino. A disporla l'Arpae e l'agenzia regionale per la Protezione Civile.
    Nel dettaglio, per la giornata di domani - spiega una nota - si prevede "un flusso di correnti umide ed instabili sud occidentali che interesserà la parte centrale ed occidentale della regione con precipitazioni a carattere di rovescio e o temporali organizzati. I fenomeni saranno più probabili nelle macroaree dei bacini emiliani occidentali e della bassa collina emiliana occidentale e sono previsti in rapido esaurimento nella seconda parte della giornata. La criticità idrogeologica si riferisce al solo reticolo dei corsi minori".

Da Porretta a Bologna per spese e lascia la figlioletta nell'auto chiusa nel parcheggio di un centro commerciale. Denunciato.


Da ANSA

Ha lasciato la figlia di appena un anno e mezzo chiusa a chiave in macchina nel parcheggio di un centro commerciale. E' successo ieri pomeriggio nel parcheggio del Centro Navile, alla periferia di Bologna, dove i Carabinieri hanno denunciato per abbandono di minore un quarantenne di Porretta Terme. I militari sono intervenuti su segnalazione di alcuni passanti, che avevano notato una bimba che piangeva, chiusa nell'abitacolo di una 'Renault Megane'.
    Dopo essere riusciti ad abbassare leggermente il finestrino, hanno infilato un gancio di ferro per fare leva sulla maniglia interna e aprire lo sportello. Prelevata e tranquillizzata la piccola, gli agenti dell'Arma hanno atteso l'arrivo del padre. L'uomo si era allontanato per più di mezz'ora e ha tentato di giustificarsi dicendo che stava cercando la moglie all'interno di uno dei negozi del centro commerciale. La spiegazione non l'ha salvato dalla denuncia.

FINESTRE SULLA FILOSOFIA


  

di Marco Leoni

PLATONE : 
Analisi del mito della caverna
3° e ultima parte

Riporto una lezione sempre di Matteo Saudino,
fantastico prof. di filosofia.


Vediamo a questo punto nella lettura del mito quali sono i riferimenti alla teoria della conoscenza.
Questo mito ci presenta i quattro gradi della conoscenza platonica.
Innanzitutto Platone divide la conoscenza in due : doxa ed episteme.
La doxa è la conoscenza opinabile, la conoscenza epistemologica è la conoscenza scientifica.
La conoscenza della doxa è quella che avviene all’interno della caverna, la conoscenza epistemologica scientifica è quella che avviene invece al di fuori della caverna.
Ognuno di questi gradi della conoscenza si divide a sua volta in due, due gradi della conoscenza opinabile, due gradi della conoscenza scientifica.
Partiamo dai primi due gradi.
La conoscenza per Platone è una retta inclinata che dal basso va verso l’alto: verticalismo o l’ascesi di Platone.
Si passa dall’ignoranza alla sapienza, dal non bello al bello dal non giusto al giusto e tutto questo è tipico dell’innamorato, perché quando uno è innamorato vuole la bellezza del corpo, la bellezza dell’anima, la bellezza delle leggi, la bellezza della scienza, la bellezza delle idee, perché l’amore è ciò che ti eleva dalla mediocrità alle altezze del bene. E' una linea appunto inclinata.
Per i primi due gradi, quelli della doxa, partiamo dall’eutasia, dalla fantasia, dall’immaginazione che è il grado più basso della conoscenza e collegato a questo c’è la condanna dell’arte.
Platone condanna l’arte: l’arte ha un ruolo marginale nella formazione del filosofo, perché l’arte agisce sulla parte irrazionale dell’uomo. L'arte, che può essere il teatro, la pittura, la poesia, stimola le passioni e le pulsioni e non educa la parte razionale dell’anima. Potremmo dire che l’arte lavora sul cavallo nero, non sul cavallo bianco, e certamente non sulla biga (collegando ciò al mito della biga alata).
Dunque l’arte è portatrice di passioni e pulsioni e non educa e fortifica l’anima. L’arte è copia della copia, l’immaginazione è copia della copia delle idee: se già il mondo delle cose è una copia del mondo delle idee, l’arte è una copia della copia, cioè del mondo delle cose, delle idee. Dunque l’arte, anziché avvicinare alle idee come fa ad es. la filosofia e poi come farà la matematica, avvicina alla copia delle cose dunque l’arte allontana addirittura dalle idee. La fantasia è condannata, l’arte è appunto considerata imitazione dell’imitazione.
Secondo grado della doxa è la pistis cioè la credenza. E' l’opinione comune, è la credenza più vicina alla verità. Diciamo che è il verosimile.
Le credenze possono avere dei richiami con la verità, dei richiami non argomentati, non dimostrati, dei richiami molto spesso sbagliati. La pistis è quella dei sofisti, è quella dei filosofi precedenti a Platone e Socrate.
La credenza è una conoscenza opinabile ma è la conoscenza del mondo delle cose e non della copia delle cose. Dunque la credenza è un passo verso la scienza ma rimane ancora lontana da essa perché è appunto una conoscenza verosimile dotata dunque di fallacità, dotata di errore.
Poi usciamo dalla caverna e abbiamo il terzo e quarto grado della conoscenza: la conoscenza epistemologica, cioè la conoscenza scientifica, è la conoscenza dianoetica che è la conoscenza dunque della matematica, della geometria, dell’astronomia; è la conoscenza delle scienze, è la conoscenza che corrisponde alla visione degli oggetti riflessi nell’acqua, degli oggetti riflessi nel fiume, delle stelle, della luna; è la scienza, è l’astronomia, è la fisica; è una bellezza che ti ha rapito con la matematica. Il matematico vive per conoscere le armonie dell’universo, il matematico, il pitagorico vive per trovare i codici numerici che spiegano l’universo; l’astronomo è colui che è rapito dalle stelle, vuole conoscere il movimento degli astri, il movimento dei cieli, l’ubicazione delle stelle, vuole conoscere la volta stellata, ma in che modo, matematicamente, geometricamente, vedendone i rapporti e le proporzioni.
Oltre alla conoscenza dianoetica vi è la noesis, la conoscenza filosofica, noesis. La conoscenza della filosofia è quella che ci porta alla dialettica, cioè alle scienze delle idee e della conoscenza del bene che contiene il bello, che contiene il giusto: è la conoscenza del sole.
Il sole è il bene ma Platone ci dice una cosa importante come il mondo delle idee nutre il mondo delle cose così il bene nutra tutte le altre idee.
Nel quadrato c’è il bene, nella sfera c’è il bene, nel bello c’è il bene, nel giusto c’è il bene. Il bene è l’idea che nutre tutte le altre idee, è l’idea che è imitata dalle altre idee come il cavallo imita l’idea di cavallinità, come il governante giusto ha dentro di sé la giustizia e imita la giustizia, così l’idea di cavallo, l’idea di sfera, l’idea di triangolo, l’idea di bellezza e di giustizia imitano l’idea di bene; c’è del bene nel bello così come il bello si nutre del bene e la conoscenza del bene è la noesis più elevata e la dialettica è la filosofia.
Questo è il quarto grado della conoscenza platonica, è il quarto grado della conoscenza filosofica, del cammino filosofico che deve compiere un uomo per diventare sapiente. E quando sei arrivato alla conoscenza del bene sei pronto per governare.
Ricordo che la Repubblica è una monarchia mista a aristocrazia. C'è un’elite di uomini aristocratici cioè sapienti filosofi, che conoscono il bene. quando hai conosciuto sei uscito dalla caverna, hai conosciuto la giustizia, la bellezza, il bene, sei stato rapito.
L’amore come follia, l’amore è una divina follia che ti vuole portare alla conoscenza del bene e quando sei arrivato alla conoscenza del bene sei pronto per governare in maniera giusta, corretta e non ci sarà neanche più bisogno delle leggi, perché gli uomini sapranno governare in maniera equilibrata, in maniera buona e di conseguenza gli altri cittadini seguiranno ovviamente le indicazioni dei sapienti.

Questo è il mito della caverna. Il mito della caverna può essere interpretato in mille modi. Può essere interpretato da voi: voi vivete in una caverna che oggi tendenzialmente sarebbe la caverna televisiva, la lettura ovviamente anche più banale, la caverna è la TV sono immagini prodotte, può essere la falsificazione registica televisiva, può
essere la falsificazione dei social. Noi viviamo in caverne. A volte spegnere la TV, spegnere facebook, spegnere twitter, spegnere istagram, ti porta a vedere com'è il mondo reale al di fuori di quella rappresentazione fallace e spesso conoscendo il mondo reale capita poi di avere degli strumenti critici per codificare il mondo dell’illusione e dunque essere autenticamente liberi.


Cimice asiatica, vademecum anti-insetto

Dalla Regione Emilia-Romagna i consigli di un esperto

 © ANSA

È il flagello delle campagne, con danni stimati per quest'anno nel Nord Italia per 350 milioni di euro solo per pere, pesche e nettarine, ma è una fastidiosa presenza anche in casa: è la cimice asiatica, sulla quale la Regione Emilia-Romagna diffonde un vademecum con i consigli e le informazioni di un esperto.
Con l'inizio dell'autunno la cimice cerca riparo nelle case, spiega Massimo Bariselli, esperto del Servizio fitosanitario regionale. "Non nidificano nelle case, ma a differenza delle cimici 'nostrane', quella asiatica emette un ferormone di aggregazione che ne richiama altre, arrivando a creare gruppi anche di 50-100 esemplari", il che può creare disagi. "Non punge, non morde e non è pericolosa per l'uomo o gli animali domestici", sottolinea Bariselli, ma è necessario eliminarle per i gravi danni che creano all'agricoltura. Quindi il consiglio è munirsi di zanzariere per evitare che entrino in casa ma, qualora entrassero, eliminarle e non buttarle vive all'esterno.

Vergato. Lavori in corso sulla 'Tabina-Pronarolo' e sulla 'Sanguineda'

Dubbio segnala:

Da domani,  lunedì  21 ottobre, al 30 novembre, e comunque fino alla fine dei lavori, è stata disposta la chiusura al traffico , dalle 8 alle 17, della strada comunale "Tabina - Prunarolo" , in prossimità dell'incrocio con la comunale "Le Lastre – Vedegheto", per consentire l'esecuzione dell'intervento di consolidamento del fondo stradale.

I particolari : Ordinanza n. 164_2019

E' stata inoltre prevista la sospensione della circolazione, per 48 ore, della comunale "Sanguineda", a partire dalle 8 di giovedì prossimo, 24 ottobre, fino alle 8 di sabato 26 ottobre e comunque fino alla fine dei lavori. L'interruzione si è resa necessaria per consentire un intervento di consolidamento della comunale.





sabato 19 ottobre 2019

Edilizia acrobatica per Torre Asinelli

Dal 21 al 25 per lavori a cella campanaria e parafulmine

Da ANSA


Intervento di restauro e manutenzione 'acrobatico' per la Torre degli Asinelli di Bologna. Dal 21 al 25 ottobre la torre resterà chiusa al pubblico per piccoli lavori alla cella campanaria e al parafulmine predisposti dal Comune di Bologna e Bologna Welcome, in accordo con la Soprintendenza.
    Queste attività saranno eseguite da operatori specializzati in interventi acrobatici, che interverranno muovendosi grazie a delle funi così da evitare l'uso di una piattaforma elevatrice e l'impatto che questa struttura mobile avrebbe procurato sulla viabilità delle strade intorno al monumento lasciando libera la vista della Torre.
    Nel dettaglio la cella campanaria verrà restaurata nella parte esterna della facciata, eliminando piccoli elementi deteriorati dal vento e nella parte interna implementando l'impianto elettrico e illuminotecnico per valorizzare il monumento mentre verrà effettuata la manutenzione del parafulmine per migliorare la capacità di scarica a terra nella massima sicurezza.

Mostra - mercato del marroni a Sasso Marconi

A Sasso Marconi in vendita i marroni dell'Appennino bolognese domani, domenica 20 ottobre.


Fine settimana di sagra a Castel di Casio



Protagonisti i 'doni' dell'autunno e la mela si mette in 'gioco' con un confronto fra le consorelle




Parcheggio e camminamento dalla stazione di Riola alla Rocchetta richiesti alla Commissione Assemblea Rocchetta Mattei.

I consiglieri della 'Commissione ' hanno visitato la rocca . Il primo cittadino Rubini: “Ora la Regione pensi alla viabilità”. Il presidente Paruolo: “Realtà che non ha paragoni”. Lo storico Cova ripercorre l’autoesilio di Cesare Mattei che lasciò la politica dopo la morte della madre e si mise a studiare una “nuova medicina”

Realizzare un parcheggio esterno, prevedere un progetto di bookshop e una zona di esposizione per gli strumenti musicali e, soprattutto, prevedere un camminamento che va dalla stazione di Riola fino al castello. Queste sono le idee lanciate da Franco Rubini, sindaco di Grizzana Morandi, ai consiglieri membri della commissione Cultura, presieduta da Giuseppe Paruolo, in visita alla Rocchetta Mattei, situata sull’Appennino bolognese e che fu dimora di Cesare Mattei, letterato, politico e medico fondatore dell’elettromeopatia. Ma oltre alle proposte, arrivano anche richieste lanciate ai consiglieri: “La Regione, da parte sua – ha detto Rubini -, dovrebbe occuparsi di più della viabilità”. Problema ben noto ai consiglieri, soprattutto dell’Appennino ma non solo, che hanno raccolto l’appello.

Dalle stanze ‘segrete’, ancora in fase di restauro, fino agli strumenti musicali presenti dentro il castello e ancora da inaugurare, i consiglieri membri della commissione Cultura hanno potuto ammirare l’unicità della rocca, “una realtà che non ha grossi paragoni”, ha evidenziato il presidente Paruolo. Un concetto espresso anche dallo storico Paolo Cova, che ha accompagnato i consiglieri nella visita della Rocchetta: “Questo è un momento fondamentale per unire politica e cultura, un luogo come questo parla”.

La Rocca, costruita nella seconda metà del XIX secolo, venne utilizzata da Cesare Mattei, specie dopo la morte della madre nel 1844, ritenendo inutile la medicina classica dell’epoca, che a suo parere non seppe fare nulla per curarla e per alleviarle le sofferenze. Per questo, lasciati i rapporti sociali e la politica, si ritirò nella tenuta e iniziò a studiare una “nuova medicina”. E alla Rocchetta, oltre ad incontrare i suoi pazienti, Mattei incontrava e ospitava anche personaggi illustri dell’epoca, da Marco Minghetti a Gioacchino Rossini.

Via al restauro del portico di San Luca

Ripristino in ottica Unesco, finanziamento da 4,4 milioni

Sono partiti a inizio mese e dureranno fino alla fine del 2020 i lavori di restauro del tratto collinare del portico di San Luca a Bologna. Un intervento atteso da tempo e che punta a rigenerare uno dei simboli della città, anche in ottica del percorso di candidatura all'Unesco dei portici della città. Il finanziamento totale sarà di circa 4,4 milioni di euro, di cui due provenienti dai Fondi Fsc del Piano Stralcio 'Cultura e Turismo' del 2013 e il resto dalla Regione all'interno dei provvedimenti post sisma.
    Il restauro si concretizzerà attraverso la riparazione delle lesioni su muri, volte, archi e facciate, il consolidamento antisismico delle strutture e delle volte, il ripristino di scoline e drenaggi, interventi per limitare l'umidità e rigenerare intonacci e facciate degradati. Infine, il colore: tutte le tinteggiature e le finiture, le lunette decorate e le parti pittoriche saranno curate nei minimi dettagli.
leggerezza".

Festival del Gioco a Casalecchio

Il Comune di Casalecchio di Reno informa:

Festa di strada della zona Garibaldi domani, domenica 20 ottobre, dalle 10 alle 19, in via Garibaldi, via Mazzini e Piazza Stracciari.

Il programma prevede:
  • Alle 10, Stramercato con tutte le merceologie, Mercatino delle opere del proprio ingegno, i banchetti di AVIS e ANT, le caldarroste della solidarietà dell’Associazione Volontari Lungoreno Tripoli Masetti, gonfiabili per bambini e i borlenghi.
Inoltre, vi saranno giochi gratuiti per grandi e piccini, giochi di una volta e la mostra con spazio giochi dedicati ai mattoncini Lego;
  • Alle 12, grigliata della solidarietà pro AVIS;
  • Alle 15.00 Quizzone a squadre con gadget per tutti i partecipanti. La premiazione della squadra vincente alle 17.30. Prenotazioni 338 9203717;
  • Dalle 15, animatori in strada con il Teatro Lunatico, gioco a squadre Puzzle Therapy (info e iscrizioni: Eventi 051 6340480);
  • Dalle 16.30, laboratorio floreale per i piccoli per realizzare la propria decorazione di seta.

Modifiche alla mobilità: dalle 6.30 alle 20.30, in via Mazzini, Piazza Stracciari  e via Garibaldi nel tratto tra via Porrettana e via Cavour, divieto di transito esclusi i residenti e divieto di sosta su entrambi i lati delle strade con rimozione forzata.
Modifiche anche per il trasporto pubblico locale.

venerdì 18 ottobre 2019

Domani, 19 ottobre, giornata della rianimazione cardio-polmonare a Bologna. Alle 12 la consegna di un defibrillatore all’Istituto Comprensivo di Sasso Marconi.

Inoltre la Regione prevede contributi per l'acquisto di defibrillatori. Il bando è rivolto a società sportive chegestiscono impianti

L'Azienda USL di Bologna informa:


In occasione di VIVA! - Giornata della rianimazione cardio-polmonare, domani, sabato 19 ottobre, alle 12 in Piazza Re Enzo, davanti allo stand dell’Azienda USL di Bologna IRC consegnerà un defibrillatore all’Istituto Comprensivo di Sasso Marconi.

Saranno presenti, Emanuela Cioni dirigente dell’Istituto comprensivo di Sasso Marconi, Chiara Gibertoni, direttore generale Azienda Ospedaliero-Universitaria S. Orsola Malpighi, Giovanni Gordini, direttore del Dipartimento di Emergenza dell’Azienda Usl di Bologna, Annalisa Maiuolo, Vice-Questore di Bologna, Francesca Novaco direttore generale dell’Azienda USL di Bologna, Marilena Pillati, assessore alla Scuola del Comune di Bologna, Andrea Scapigliati presidente di IRC, Giovanni Schiavone, dirigente dell’Ufficio Scolastico Regionale.

Per tutta la giornata 100 operatori del sistema 118 saranno a disposizione dei cittadini che vorranno imparare come si interviene per salvare una vita in caso di arresto cardiaco.

Assieme a loro anche gli studenti di diverse classi bolognesi. Tra loro anche Daniel Casella, il ragazzo che la primavera scorsa ha avuto un arresto cardiaco mentre era in classe alle Aldini Valeriani, salvato proprio grazie al tempestivo intervento degli insegnanti della scuola. eseguirà la formazione alle tecniche di rianimazione presso lo stand delle Aldini Valeriani.

Per partecipare alle prove di rianimazione cardiopolmonare organizzate in via Rizzoli sotto le Due Torri per la giornata del 19, è sufficiente presentarsi allo stand dell’Azienda Usl di Bologna, in Piazza Re Enzo. Chi vorrà proseguire, successivamente, la propria formazione di soccorritore troverà presso lo stand tutte le informazioni per iscriversi al corso di primo soccorso più vicino al proprio domicilio.


 © ANSA


Centomila euro per cento nuovi defibrillatori negli impianti sportivi dell'Emilia-Romagna. La Regione ha approvato un bando per l'assegnazione dei fondi alle società sportive che gestiscono impianti pubblici. Per concorrere all'assegnazione, il clic day è il 24 ottobre.
    La dotazione finanziaria è di 100 mila euro: ogni domanda finanziata riceverà un contributo di 1.000 euro, e dunque saranno in totale 100 i nuovi defibrillatori destinati ad altrettante strutture.
    "Diamo continuità a un impegno di grande importanza per le persone e le nostre comunità ha detto il presidente della Regione, Stefano Bonaccini - òo facciamo insieme ai Comuni attraverso il piano regionale da oltre 40 milioni per la riqualificazione dell'impiantistica sportiva, che sta portando alla realizzazione di decine e decine di interventi in più di 150 comuni in tutta l'Emilia-Romagna, e lo facciamo insieme alle società sportive, che grazie a tantissimi volontari rendono effettivo il diritto di cittadini a fare sport".

Domenica, misure anti-smog a Bologna

Limitazioni alla circolazione, in bus il ticket vale un giorno


Domenica a Bologna e nei comuni della Città Metropolitana scattano le misure anti-smog stabilite dal Piano Aria integrato regionale 2020. Come previsto per la domenica ecologica, la seconda delle 12 in programma da ottobre a marzo, dalle 8.30 alle 18.30 non potranno circolare le auto a benzina pre-Euro ed Euro 1, i veicoli alimentati a diesel fino all'Euro 3 incluso, ciclomotori e minicar pre-Euro. Le limitazioni non sono valide, come spiega una nota del Comune di Bologna, in alcune delle vie di collegamento della città con l'area metropolitana e in quelle che portano ai parcheggi scambiatori, all'ingresso del Kiss&Ride della Stazione Alta Velocità e all'Aeroporto Marconi. Per tutta la giornata chi si sposterà in autobus nell'area urbana potrà convalidare una volta sola perché il ticket ha valenza giornaliera. (ANSA)


Da Di Maio: "No a Bonaccini", ma i 5S in Regione (e Grillo) aprono

Pd e 5 Stelle continuano a discutere sull'ipotesi di un'alleanza comune alle elezioni emiliane del 26 gennaio. Di Maio mette il veto su Bonaccini, sostenuto da 200 sindaci. Ma un'apertura arriva dai consiglieri regionali del M5S (e da Grillo)

Richiesto da Dubbio

In Umbria c'è già l'accordo, in Emilia-Romagna si vedrà. Ogni passo avanti nella trattativa tra Pd e 5 Stelle per un'alleanza comune alle Regionali del 26 gennaio è seguito da una brusca marcia indietro. 
 

Se a fine settembre il governatore dem Stefano Bonaccini aveva aperto al Movimento ("C'è uno spazio importante di possibile collaborazione" su temi quali "lavoro, diritti delle persone, lotta e prevenzione del dissesto idrogeologico, sanità e politiche educative e formative"), da parte di Luigi Di Maio non sembra esserci la stessa disponibilità. A farlo capire è Maria Edera Spadoni, vicepresidente grillina della Camera e tra i parlamentari emiliani più influenti. "Il voto su Rousseau parla chiaro. Noi appoggiamo una lista civica e un candidato civico. Possiamo eventualmente valutare qualcosa con il Pd - ha detto Spadoni al Corriere di Bologna - ma poniamo un veto sulla candidatura di Bonaccini".
Profilo a cui la sinistra in Regione, Italia Viva compresa, non sembra disposta a rinunciare. A maggior ragione dopo l'appello sottoscritto da più di 200 sindaci per sostenere la ricandidatura del governatore. Il documento è stato siglato, tra gli altri, dai primi cittadini dei capoluoghi governati dal centro-sinistra (Bologna, Modena, Reggio Emilia, Ravenna, Rimini, Cesena) compresa Parma, amministrata dal leader di Italia in Comune, l'ex pentastellato Federico Pizzarotti. Nella lista compaiono anche 24 sindaci "civici", segno di come Bonaccini abbia l'apprezzamento di una larga fetta del Pd dell'Emilia-Romagna.
Regione che, si legge nell'appello firmato da 206 sindaci - "merita un presidente solido e competente, in grado di rappresentarla e governarla per il ruolo che essa ha e che dovrà avere qui nel territorio, nel Paese e nell'Unione europea". Ecco perché, scrivono i sindaci, "Bonaccini deve proseguire in questa esperienza di positiva collaborazione con noi, che vede al centro i territori e il loro ascolto, mentre agli elettori rivolgiamo un appello perché, ognuno con le proprie idee, vogliano sostenerlo per quanto ha fatto e potrà fare come Presidente della nostra Regione". Dunque Bonaccini gode di un largo sostegno tra i sindaci.
Ma non basta. I sondaggi non sono rassicuranti e per blindare una delle ultime roccaforti rosse serve l'intesa con i pentastellati. Intervistato da Radio24, il presidente emiliano ha detto: "Se ci si mette a sedere e ci si confronta sui programmi, in caso di convergenza, si può pensare a un’alleanza. Se non c’è convergenza, amici come prima e ci si rispetta da avversari alle prossime elezioni regionali". Parole da cui si capisce come un accordo sia possibile, ma ancora lontano. Ecco arrivare però un'apertura da parte dei consiglieri 5S in Regione. Il capogruppo Andrea Bertani ha ammesso: "L’importante è la discontinuità forte sui temi. Se ci si vuole ragionare, questo è il momento", anche se "è complicato ragionare con chi fino ad ora ha portato avanti temi che non abbiamo condiviso". Il fronte grillino è spaccato tra contrari (Spadoni), scettici (Di Maio) e possibilisti (Bertani), a cui aggiungere la scheggia impazzita rappresentata da Beppe Grillo. Infatti, il comico genovese è favorevole all'intesa con il Pd, da portare avanti ovunque. Regionali emiliane comprese.

19 ottobre, giornata della rianimazione cardio-polmonare. Tutti sotto le Due Torri per imparare in poche mosse ad affrontare un arresto cardiaco

L'Azienda USL di Bologna informa: 

100 operatori del sistema 118 a disposizione dei cittadini domani, sabato 19 ottobre, per coloro che  vorranno imparare come si interviene per salvare una vita in caso di arresto cardiaco. È il cuore dell’evento Viva! a Bologna in via Rizzoli, dalle 9 alle 16, a conclusione di VIVA!, settimana nazionale della rianimazione cardiopolmonare promossa da IRC, Italian Resuscitation Council.

Ma VIVA! è cominciata già da qualche settimana, con l’avvio dei corsi per soccorritore riservati ai docenti delle scuole di Bologna e Provincia. Un’adesione straordinaria tanto che saranno quasi 300 gli insegnanti che il 19 mattina ultimeranno, in via Rizzoli, la fase di addestramento con l’apprendimento della parte pratica.

Assieme a loro anche gli studenti di diverse classi bolognesi. Tra loro anche Daniel Casella, il ragazzo che la primavera scorsa ha avuto un arresto cardiaco mentre era in classe alle Aldini Valeriani, salvato proprio grazie al tempestivo intervento degli insegnanti della scuola. eseguirà la formazione alle tecniche di rianimazione presso lo stand delle Aldini Valeriani.

Alle 12 inoltre IRC donerà un defibrillatore all'Istituto Comprensivo di Sasso Marconi.

Per partecipare alle prove di rianimazione cardiopolmonare organizzate in via Rizzoli sotto le Due Torri per la giornata del 19, è sufficiente presentarsi allo stand dell’Azienda Usl di Bologna, in Piazza Re Enzo. Chi vorrà proseguire, successivamente, la propria formazione di soccorritore troverà presso lo stand tutte le informazioni per iscriversi al corso di primo soccorso più vicino al proprio domicilio.

La giornata è stata presentata oggi nel corso di una conferenza stampa da Giovanni Gordini, direttore del Dipartimento di Emergenza dell’Azienda Usl di Bologna, Marilena Pillati, Assessore alla Scuola del Comune di Bologna, Giovanni Schiavone, Dirigente dell’Ufficio Scolastico Regionale, Federico Semeraro responsabile progetto Pronto Blu dell’Azienda USL di Bologna.

La diffusione della conoscenza delle manovre rianimatorie cardiopolmonari elementari è riconosciuta, sempre di più, come un elemento essenziale per aumentare le possibilità di sopravvivenza in caso di arresto cardiaco. Manovre elementari, che possono salvare una vita e che chiunque, anche senza una preparazione sanitaria professionale, può eseguire.
Queste manovre, praticate tempestivamente prima dell’arrivo dei soccorsi, e la presenza di defibrillatori, anticipano i tempi di intervento, dimezzandoli rispetto a quelli garantiti dalla rete del 118, e triplicano le possibilità di sopravvivenza di chi è colpito da arresto cardiaco. In Italia ciò avviene solo nel 15% dei casi, a fronte di percentuali intorno al 50% nei paesi scandinavi.

Nella provincia di Bologna sono all’incirca un migliaio, ogni anno, le persone colpite da arresto cardiaco. Solo il 22% sopravvive, nonostante il tempestivo intervento del 118, garantito entro 10 minuti dalla chiamata alla Centrale Operativa. Quello che è certo, però, è che nelle 195 volte in cui è stato possibile intervenire subito con la rianimazione cardio polmonare anticipando il 118, nel 43% dei casi (83 persone) la circolazione del sangue è stata ripristinata in maniera spontanea, e nel 52% dei casi la persona ha ripreso una buona funzionalità cerebrale.

Presso lo stand inoltre verranno illustrate le funzionalità di DAE RespondER
, l’App che attiva i soccorsi DAE RespondER è la prima APP in Italia completamente integrata con la Centrale Operativa 118, per allertare i soccorritori volontari in caso di potenziali arresti cardiaci.
1.171 i cittadini in provincia che si sono registrati nel primo anno dal lancio della APP (600 solo a Bologna), 4.658 in Regione. Nella provincia di Bologna sono 98 i cittadini che, allertati dalla APP, si sono resi disponibili ad intervenire in casi di arresto cardiaco avvenuti in luoghi pubblici (310 in Regione). Nel 50% dei casi i volontari hanno raggiunto effettivamente il luogo dell’evento. Nel 70% di questi, il loro arrivo precede quello dei mezzi di soccorso 118, e possono così anticipare le manovre rianimatorie a tutto vantaggio del paziente.
Premiata dalla School of Management del Politecnico di Milano, DAE RespondER, sviluppata grazie ad un contributo della Fondazione del Monte, censisce, inoltre, la rete dei defibrillatori semiautomatici, fornendo informazioni utili al reperimento, come ad esempio gli orari di disponibilità, e quindi all’utilizzo.

Nel corso della giornata, presso lo stand dell’Azienda Usl di Bologna, sarà possibile partecipare anche all’esperienza di rianimazione di un paziente in realtà virtuale, con l’esecuzione di manovre salvavita. Grazie ad un caschetto di realtà virtuale, ci si potrà calare in tre situazioni tipo: arresto cardiaco in un adulto in un ambiente extraospedaliero, arresto cardiaco in un adulto in un ambiente intraospedaliero e arresto cardiaco pediatrico a scuola. VR CPR, il progetto di rianimazione virtuale, è realizzato da Italian Resuscitation Council e finanziato da Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna.

Calcio, nasce il Memorial Perani

A due anni di distanza dalla morte dell'ala del Bologna

 © ANSA
Nell'anno del 110/o anniversario del Bologna e a due di distanza dalla scomparsa di Marino Perani, ala del Bologna scudettato del 1964, nasce il Memorial Marino Perani. La manifestazione è stata presentata in mattinata nella sede della Città Metropolitana di Bologna alla presenza di ex rossoblù come Franco Colomba, Paolo Cimpiel e Gino Pivatelli.
    La manifestazione andrà in scena a Bentivoglio (provincia di Bologna), il 17 e 21 ottobre, con la partecipazione di Parma Vecchie Glorie, Reggiana Forever, Veterani Bologna Fc 1909, Bentivoglio Calcio e Bentivoglio Vecchie Glorie. Il giorno di 17, alla vigilia della ricorrenza della scomparsa, nella sala dello Zodiaco di Palazzo Rosso di Bentivoglio, saranno proiettati video e documentari sy Perani e l'ultimo scudetto del Bologna, con esposizione di cimeli. Il giorno 21, invece, a partire dalle 18, il sindaco Erika Ferranti inaugurerà il nuovo impianto di illuminazione del campo sportivo di Bentivoglio: poi il calcio d'inizio del Memorial. (ANSA)

Il 'ricco' venerdì di Casalecchio di Reno.

Il Comune di Casalecchio di Reno informa:
Oggi, venerdì 18 ottobre alle 20.30, presso la Casa per la Pace "La Filanda" , Francesca Ciampi e Elisa Dorso portano in scena il loro "intrattenimento" Donne e male parole. Da Napoli a Bologna e ritorno,
uno spassoso confronto tra come si sfogano le donne in dialetto nei cortili bolognesi e nei vicoli napoletani.
Le due autrici mostrano una conversazione tra donne che scivola nel litigio capace di generare ingiurie creative e divertenti (per il pubblico), "dal facciaffronto allo strascino", in un percorso che culminerà con la "lite delle lavandaie", la scena finale di La gatta cenerentola di Roberto De Simone, commentata e tradotta dal dialetto napoletano a quello bolognese.

Ingresso libero.



Ancora oggi, venerdì 18 ottobre, concerto in azienda presso la sede di SIT – Società Italiana Tecnospazzole a Casalecchio di Reno.
Dopo i saluti introduttivi alle 18.30 con gli organizzatori di Radio Frequenza Appennino, alle 18.45, l'aperitivo accompagnato dalla coinvolgente esibizione live dei Lovesick Duo.

Ingresso gratuito.




Come era essere studenti universitari a Bologna nei primi secoli dell'attuale Alma Mater Studiorum? E come accoglieva la città questo gruppo di "fuori sede" provenienti da tutta Europa? La risposta oggi, venerdì 18 ottobre alle 17.30, in Casa della Conoscenza. Ivana Monesi illustrerà gli aspetti più interessanti e curiosi di questa condizione nella conferenza "Studenti ed Università a Bologna tra 1100 e 1400. Problemi, svaghi e tribolazioni".

Le cronache del periodo tra XII e XV secolo ci offrono una ricca testimonianza della vita spesso difficile di chi frequentava lo Studium bolognese: la scelta del maestro, il viaggio spesso avventuroso dai luoghi di origine verso la città, le modalità di alloggio e sostentamento, e anche un mondo di svaghi e divertimenti del tutto nuovo per molti studenti universitari, che, oltre a distrarli dallo studio, talvolta li portava rapidamente alla miseria. La relatrice illustrerà il percorso degli studenti di allora con un ricco apparato di immagini e con letture di documenti d'epoca, affidate a Daniela Maria Bianchini e Marzio Bossi.
a conferenza di Ivana Monesi è il terzo appuntamento casalecchiese della XVI Festa Internazionale della Storia (Bologna, 19-27 ottobre), la principale manifestazione europea del settore, organizzata dall'Università di Bologna con il patrocinio e il contributo di numerose istituzioni pubbliche e private. A Casalecchio di Reno sono ancora in programma numerosi appuntamenti, concentrati il venerdì pomeriggio, fino a novembre inoltrato, per ricordare che "La storia è viva".

giovedì 17 ottobre 2019

LIBEREX.NET incontra le imprese di Monzuno e dell’Appennino


Riceviamo:


Liberex: un’opportunità da cogliere” è il tema dell’incontro pubblico in programma giovedì 17 ottobre a Vado di Monzuno. L’incontro, patrocinato dal Comune di Monzuno e dall’Unione dei Comuni dell’Appennino Bolognese, è in programma a partire dalle ore 20.30 presso la Sala Civica di Vado, sopra il supermercato Coop.
L’iniziativa, pubblica e gratuita, è aperta a tutti gli operatori del territorio interessati a conoscere Liberex e il funzionamento del Circuito di mutuo credito dell’Emilia Romagna nato dall’esaltante esperienza di Sardex.net, attivo da oltre dieci anni in Sardegna.
L’incontro, introdotto dai saluti degli Assessori Morena Ricò e Stefano Battistini, vedrà l’intervento di Paolo Piras, Amministratore di Liberex, e di diversi imprenditori dell’Appennino Bolognese che racconteranno la loro esperienza all’interno del Circuito. L’evento si concluderà con un piccolo buffet di networking.
Il Circuito Liberex è un sistema di strumenti e servizi che consente alle imprese e ai liberi professionisti di scambiare tra loro beni e servizi senza utilizzare l’euro, ma utilizzando un’unità di conto digitale: il credito Liberex (1 Liberex = 1 Euro).
Liberex oggi è uno dei 12 Circuiti nati dall’esperienza di Sardex.net, il primo Circuito di Credito Commerciale nato in Sardegna nel 2010. Proprio nelle scorse settimane i Circuiti di Credito Commerciale hanno festeggiato il traguardo del mezzo miliardo di crediti transati (equivalenti a mezzo miliardo di Euro), all’interno di un sistema che coinvolge oltre diecimila aziende in tutta Italia, dimostrando di essere uno straordinario strumento di sviluppo economico e di coesione sociale per i territori.
Un sistema operativo a servizio del territorio e delle imprese che ha riscosso successo anche al di fuori dei confini nazionali, conquistando le prime pagine dei più importanti giornali internazionali: Financial Times, BBC, CBS e molti altri.
 


La Tartufesta domenica arriva a Vergato

Riceviamo



Da Toronto a Sasso Marconi per un aiuto alla chiesa di San Lorenzo

Mercoledì prossimo, 23 ottobre, alle 20.45, la sala polivalente di S.Lorenzo di Sasso Marconi ospita il concerto del Coro S. Marco di Toronto (Canada). Lo scopo della serata è la raccolta di fondi da destinare al restauro della Chiesa di San Lorenzo.

L'ingresso è a offerta libera. E’ necessaria la prenotazione presso la segreteria della Parrocchia.

Segreteria della Parrocchia (via Gamberi 3 Sasso Marconi) – telefono 051.841936 , dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 12 e dalle 15 alle 18.

Gustiamo, migliaia tra acetaie e musei

Cibo e musica protagonisti, ospite Clò lo chef di Pavarotti

 © ANSA

Migliaia di visitatori nel weekend per 'Gusti.a.Mo 2019', manifestazione sull'enogastronomia nel Modenese organizzata da Piacere Modena. Dal panino 'd'arte' di Daniele Reponi agli assaggi tra caseifici, acetaie, cantine e prosciuttifici, tra gli altri, alle visite nei musei della provincia con aperture straordinarie. La manifestazione ha permesso a residenti e turisti di concedersi pause gourmet in città e dintorni, alla scoperta dei luoghi di produzione delle eccellenze della provincia, ben 24 denominazioni Dop e Igp.
Quest'anno il cibo ha sposato il binomio con la musica, con una testimonianza d'eccezione, Cesare Clò, lo chef amato da Luciano Pavarotti, per il quale il maestro ha fortemente voluto la nascita di Ristorante Europa 92, nel suo centro ippico, nella vecchia cascina di fine '600 dove il tenore ha vissuto gli ultimi anni della sua vita. "Pavarotti era un uomo innamorato della vita - ha detto Cesare Clò nel talk-show inaugurale di Gustiamo, 'Suoni del Cibo', ospitato dall'Accademia militare di Modena - gli piaceva divertirsi". In valigia, durante i viaggi per i suoi concerti nel mondo, il maestro "non scordava mai di metterci dentro il gusto di Modena. Portava con sé aceto balsamico e Parmigiano reggiano ma anche i tortellini, il suo piatto preferito". E per capire quanto Pavarotti amasse la cucina basta ammirare quella della sua ultima casa, oggi Casa Museo Pavarotti. Un ambiente caldo, spazioso, familiare, che sembra ancora 'pronto' per sfornare prelibatezze.
"Lavorare insieme affinché il territorio di Modena possa divenire ancora più strategico all'interno dell'economia regionale e nazionale", ha commentato il presidente di Piacere Modena Pierluigi Sciolette durante il talk show. L'assessore regionale all'Agricoltura Simona Caselli Ha sottolineato la centralità dell'agroalimentare modenese: "Abbiamo su questo territorio una grande ricchezza di prodotti universalmente famosi - ha detto - e tra questi ci sono in primis il cibo ma anche la musica, che ci rende immediatamente riconoscibili ovunque".

A Casalecchio di Reno, Doc in Tour

5 proiezioni per la rassegna regionale di "cinema del reale"

Il Comune di Casalecchio di Reno informa 

Casalecchio di Reno rientra per l'undicesimo anno consecutivo tra le città che ospitano le proiezioni gratuite dei documentari di "Doc in Tour", la rassegna della Regione Emilia-Romagna che promuove il "cinema del reale" prodotto e girato nel territorio regionale (e spesso premiato a livello nazionale).
Come già nell'edizione 2018, i documentari arrivano in autunno in spazi come biblioteche, teatri e centri giovanili e culturali, dopo aver toccato le sale cinematografiche nel periodo primaverile: a Casalecchio 4 appuntamenti sono in programma in Casa della Conoscenza e uno presso la Casa per la Pace "La Filanda" , sempre a cura della Biblioteca C. Pavese e con ingresso libero.

La rassegna parte oggi, giovedì 17 ottobre alle 21, in Casa della Conoscenza con la proiezione di Pentcho di Stefano Cattini, che ricostruisce una pagina quasi surreale della Seconda Guerra Mondiale: la storia di 514 ebrei che nel 1940, su un vecchio battello fluviale di Bratislava, affrontarono un rocambolesco viaggio per sfuggire al nazismo e raggiungere la Palestina, navigando lungo il Danubio e affrontando il mare aperto fino all'Egeo – dove anche la Marina Militare Italiana fu coinvolta nel loro salvataggio da un prevedibile naufragio. Il documentario, che ricostruisce l'incredibile viaggio del Pentcho con testimonianze dei sopravvissuti, ha vinto nel 2018 il Premio "Imperdibili" del Festival dei Popoli di Firenze.

Un appuntamento speciale è in programma nel pomeriggio di martedì 22 ottobre, sempre in Casa della Conoscenza. Alle 17.30 l'incontro "I mestieri delle donne" vedrà un confronto su lavoro, genere e politica tra tre assessore del Comune di Casalecchio di Reno: Concetta Bevacqua (Risorse, Infanzia e scuola, Pari Opportunità), Barbara Negroni (Qualità dell’ambiente e del territorio) e Simona Pinelli (Culture e Nuove generazioni).
A seguire, alle 18.15, sullo schermo un mondo particolare dell'impegno lavorativo al femminile come quello delle donne dedite alla pastorizia nell'Italia di oggi, descritto da Anna Kauber in In questo mondo . Un viaggio in Panda a metano tra monti e vallate di Alpi e Appennini per immergersi nella quotidianità di cura continua delle pastore, tra difficoltà e soddisfazioni, per un documentario partito da un crowdfunding e arrivato al premio "Italiana.doc" del Torino Film Festival 2018, con la motivazione "un film immersivo che rende le immagini corporee e ci contagia con i segni di un rapporto vivo e appassionato al mondo".

Giovedì 31 ottobre alle 21, in Casa della Conoscenza, la proiezione di Scuola in mezzo al mare Gaia Russo Frattasi propone un altro sguardo su una quotidianità poco nota, quella delle famiglie dell'isola di Stromboli, ammaliante e amata dai turisti in estate, ma segnata dalla solitudine per il resto dell'anno, quando il maltempo, bloccando gli aliscafi dalla Sicilia che portano ogni giorno le maestre, obbliga le scuole a chiudere anche per intere settimane. Carolina, con i suoi tre figli, resiste a un destino di emigrazione, e con l'associazione "Scuola in mezzo al mare" trova nuove modalità didattiche, e di intrattenimento, per adeguarsi alla condizione di vita insulare.

Ancora in Casa della Conoscenza, e ancora il documentario di una regista, giovedì 14 novembre alle 21 con La mia casa e i miei coinquilini (il lungo viaggio di Joyce Lussu) di Marcella Piccinini. Girato interamente in pellicola e con materiali d’archivio, attraversato dalla suggestiva voce narrante di Maya Sansa, il film rievoca alcuni periodi della figura della scrittrice, poetessa e partigiana scomparsa nel 1998: la lotta al fascismo condotta in esilio dalla fine degli anni '30, l'impegno femminista e anticolonialista, il lavoro di traduzione, tutto filtrato dagli spazi della casa di Joyce a Fermo, nelle Marche.

L'ultimo appuntamento casalecchiese con "Doc in Tour" è per giovedì 21 novembre alle 20.30 in Casa per la Pace, per il documentario Strange Fish di Giulia Bertoluzzi, menzione speciale della giuria al Festival Internazionale del Documentario Visioni dal Mondo di Milano nel 2018: l’impegno e l'umanità dei pescatori di Zarzis, nel sud della Tunisia, "anonimi eroi" che dagli inizi del 2000 hanno salvato migliaia di vite in mare – e ad almeno altrettanti "strani pesci", corpi restituiti dal mare, hanno dato sepoltura. La proiezione, in collaborazione con Percorsi di Pace, rientra nella XV edizione di Politicamente Scorretto.