martedì 10 dicembre 2019

Arriva il freddo poi la neve

Previsioni del tempo di Arpae per domani, mercoledì, e giovedì.


MERCOLEDI':

Al mattino sereno;

nel pomeriggio cielo velato per nubi alte; 
 
dalla sera in pianura nuvoloso, sui rilievi molto nuvoloso.

Temperature minime del mattino comprese tra 0 °C sui rilievi e 1 °C in pianura, massime pomeridiane comprese tra 4 °C sui rilievi e 6 °C in pianura.

Velocità massima del vento compresa tra 11 (rilievi) e 19 km/h (pianura).


GIOVEDI':

Al mattino in pianura molto nuvoloso con piogge deboli, sui rilievi molto nuvoloso con deboli nevicate;

nel pomeriggio nuvoloso;

dalla sera sereno.

Temperature minime del mattino comprese tra 1 °C sui rilievi e 2 °C in pianura, massime pomeridiane comprese tra 4 °C sui rilievi e 5 °C in pianura.

Velocità massima del vento compresa tra 21 (rilievi) e 23 km/h (pianura).

Vergato ha la pista di pattinaggio sul ghiaccio

Pista di pattinaggio sul ghiaccio, stand gastronomici e mercatini caratterizzeranno le feste di Natale a Vergato fino al 6 gennaio


Il taglio del nastro inaugurale è stato seguito dal taglio della torta ( nella foto) e accompagnato dalla musica della banda di Riola.

La pista sarà aperta tutti i giorni dalle 14,30 alle 17,30 e la sera dalle 19,30 alle 22,30. Il biglietto di 7 € per un'ora (ma si può anche optare per mezz'ora a 5 €) dà diritto al noleggio dei pattini. Il sabato e la domenica, nonché nella settimana dal 23 al 31 dicembre si potrà pattinare anche al mattino, dalle 10 alle 12, mentre il pomeriggio si farà orario continuato dalle 14.30 alle 22.


All'inaugurazione dell’8 dicembre erano presenti anche gli stand gastronomici e i mercatini voluti dalla proloco, perché l’idea è che la pista diventi il centro di una serie di iniziative natalizie che prevedano la gastronomia (tigelle, crescentine, salsiccia alla griglia, patate fritte, friggione, crepes, gelati) e lo shopping, con un occhio di riguardo nei confronti dell’artigianato locale.

Mariella Sileo, presidente della proloco di Vergato, ha commentato: «La pista è una novità assoluta per il nostro paese e speriamo anche una bella iniziativa per l'intera vallata. Confidiamo in una buona affluenza fino al 6 gennaio, noi ci abbiamo messo tutta la passione e la buona volontà, adesso speriamo nella risposta delle persone».

E intanto sabato prossimo, 14 dicembre, nella biblioteca di Vergato alle 10,30 arriva lo spettacolo comico “Chi sono io, Babbo Natale?” della compagnia Ambaradan di Bologna. Uno spettacolo comico di cinquanta minuti rivolto ai bambini dai 3 ai 10 anni scritto e diretto da Martina Pizziconi, che vede l’autrice anche interpretare un’elfa insieme Emanuele Truffa nel ruolo di Babbo Natale.

Bologna avrà il tram

Il Governo finanzia la prima linea con uno stanziamento di 509 milioni


Il governo ha finanziato la prima linea del tram di Bologna con 509 milioni, la totalità della cifra richiesta dal Comune. Ne dà notizia il sindaco Virginio Merola.
    "Un traguardo - dice il sindaco - che premia il nostro lavoro e le scelte infrastrutturali di Bologna, la prima città metropolitana italiana ad avere varato il Piano urbano per la mobilità sostenibile. Il progetto del tram, che segnerà la grande svolta della mobilità bolognese, può dunque partire.
    Grazie all'impegno di questa amministrazione, la nostra città avrà un'infrastruttura ecologica, funzionale, tecnologicamente molto avanzata e perfettamente compatibile con il contesto urbano e storico. Il tram sarà la chiave di un diverso modo di muoversi, vicino alle esigenze delle persone e rispettoso dell'ambiente: un decisivo passo in avanti per la qualità della vita a Bologna e per il Paese, che qui ha il suo principale snodo infrastrutturale". (ANSA)

Il Consorzio Castanicoltori dell'Appennino Bolognese spera nell'Europa


Il Presidente del Consorzio  Renzo Panzacchi scrive ai soci:

Nella comunicazione del 25 novembre vi avevo detto dell'invito a partecipare all'incontro a Bruxelles con la Commissione Agricoltura.

L'incontro è avvenuto mercoledì 4 dicembre ed è stata una grande occasione per raccontare alla Commissione (che decide come e dove destinare i fondi dedicati all'agricoltura europea) quali sono i temi principali che preoccupano il settore castanicolo e sui quali sono necessari interventi economici di sostegno.

L'incontro di Bruxelles è stato ben descritto soprattutto da Fresh Plaza, il più autorevole quotidiano del settore ortofrutta,

Personalmente tendo a non farmi mai eccessive illusioni, ma devo dirvi che abbiamo ricevuto grande attenzione dalla Commissione e che nel prossimo PSR la castanicoltura dovrebbe finalmente godere di risorse dedicate.

Staremo a vedere. Nel frattempo godiamoci la grande soddisfazione di avere portato il nostro piccolo Consorzio fino all'attenzione dell'Unione Europea.



I castagneti hanno una nuova minaccia: 'Gnomoniopsis'

Convegno a Vergato per parlare di questo fungo, fare il punto della situazione e valutare le strategie per contrastare vecchi e nuovi nemici dei castagneti come il cinipide e bacato e minacce più recenti come quelle del fungo che fa marcire le castagne

Lunedì prossimo, 16 dicembre alle 10, si terrà a Vergato, presso la sede dell’Unione dell’Appennino bolognese, il convegno “Le problematiche fitosanitarie del Castagno”.

Si affronterà principalmente la nuova emergenza fitosanitaria, quella della "Gnomoniopsis castaneae", grazie alle relazioni del funzionari del servizio fitosanitario della Regione Emilia-Romagna.

La Gnomoniopsis castaneae è un fungo ascomicete che provoca una malattia delle castagne chiamata marciume gessoso (o marciume bruno). La malattia non è nuova in Italia e tanto meno in Emilia-Romagna. Le prime segnalazioni risalgono infatti al 2005 in Piemonte. Successivamente è stata rinvenuta in Campania, Lazio, Emilia-Romagna e in altre aree castanicole italiane. La malattia è nota anche in Francia, Svizzera, Grecia, Spagna, Slovenia e Regno Unito. Negli ultimi anni però ha avuto una recrudescenza con conseguenti gravi perdite alle produzioni. I danni si possono avere al momento della raccolta così come successivamente, durante la conservazione.
Esternamente le castagne colpite non mostrano alcuna anomalia ma appaiono morbide al tatto; possono essere infatti contaminate internamente dal fungo già al momento della raccolta. I sintomi del marciume gessoso sono rilevabili solo all’interno dei frutti raccolti: il colore vira al bruno e la polpa infetta risulta molle e spugnosa. Con il progredire dei sintomi il frutto diventa duro, bianco e gessoso fino a dare alle castagne un aspetto mummificato, oltre che un sapore sgradevole per cui non sono più commercializzabili. Sono in corso studi sulla biologia del fungo, visto che purtroppo i trattamenti fungicidi non sono applicabili perché la colonizzazione dei tessuti avviene dall’interno, con vento, insetti e piogge che favoriscono la diffusione del patogeno. Però ci sono delle strategie da adottare: la rimozione dei vecchi ricci da terra, visto che possono ospitare il fungo per una stagione intera e da qui permettergli di diffondersi; la raccolta tempestiva del prodotto, specie in periodi umidi e piovosi che favoriscono la diffusione del fungo; il congelamento dei frutti raccolti per inibire la crescita del fungo. Di questo e di molto altro ancora si parlerà nel corso del convegno.

Dopo l’introduzione di Emilio Pedone, responsabile dell’area tecnica dell’Unione dell’Appennino bolognese, il tema sarà affrontato alle 10,15 da Carla Montuschi. Sarà inoltre proposto un strumento utile alla conoscenza della malattia, un questionario su Gnomognopsis a cura di Giovanni Benedettini e Federica Migliorini.
Alle 11,15 Massimo Bariselli affronterà il problema piuttosto ancora attuale di cinipide e bacato. La mattinata di studi sarà conclusa alle 11,45 da Giorgio Maresi del Centro trasferimento tecnologico, Fondazione Edmund Mach, che parlerà dell’ecosistema castagneto in un mondo che cambia.
Lo stesso incontro sarà tenuto anche nell’Appennino modenese martedì 10 dicembre alle 10 nella sala consiliare del Comune di Zocca.


Organizzati e felici in famiglia n un libro di Daniele Novara

La divisione del lavoro educativo per affrontare i problemi di questo tempo

Il Comune di Casalecchio di Reno informa:

È possibile impostare un percorso educativo per i propri figli 'senza perfezionismi ma con sufficiente sicurezza, puntando sul gioco di squadra tra i genitori e le diverse figure educative che si occupano dei ragazzi'? La risposta di Daniele Novara è positiva e si trova nel suo ultimo libro Organizzati e felici. Come affrontare in famiglia le principali sfide educative dei figli, dai primi anni all'adolescenza , che l'autore presenta oggi, martedì 10 dicembre alle 20.30 in Casa della Conoscenza a Casalecchio di Reno.

Organizzati e felici non è un semplicistico manuale di auto-aiuto familiare, ma il frutto di una riflessione che parte dalla crisi dell'autorità genitoriale dopo il Sessantotto, e dalla conseguente fragilità emotiva delle madri e dei padri di oggi, tra modelli familiari impossibili da raggiungere, informazioni sconnesse e vere e proprie fake news.

Daniele Novara, psicopedagogista, consulente e formatore, è nato nel 1957 e vive a Piacenza, dove nel 1989 ha fondato il Centro Psicopedagogico per l'educazione e la gestione dei conflitti, di cui è direttore. Tra le sue numerose pubblicazioni, I bulli non sanno litigare (2007, nuova edizione 2018) con Luigi Regoliosi, Dalla parte dei genitori. Strumenti per vivere bene il proprio ruolo educativo (Franco Angeli, 2009), inserito nel 2012 tra i 30 testi della "Biblioteca dei genitori" del Corriere della Sera, e i veri e propri bestseller educativi pubblicati da Rizzoli Urlare non serve a nulla (2014), Litigare fa bene (2015), Punire non serve a nulla (2016), Non è colpa dei bambini (2017) e Cambiare la scuola si può (2018).


Farsi capire: un glossario per decodificare il linguaggio della sanità

Dubbio segnala
L’alfabetizzazione di base e in particolare la capacità di comprendere i messaggi legati alla salute sono fondamentali perché sia possibile mettere in pratica le indicazioni degli operatori sanitari. Questa competenza è considerata un determinante di salute perché consente di selezionare e comprendere le informazioni necessarie per adottare comportamenti positivi, corretti stili di vita e aderire alle terapie.

Per questo, la Regione Emilia-Romagna nel Piano sociale e sanitario 2017-2020 ha invitato le Aziende Sanitarie a farsi carico del tema della comprensione dei messaggi sanitari parlati e scritti che sono rivolti ai cittadini (referti, lettere di dimissione, modulistica, la leggibilità della cartellonistica d’accesso ai servizi, fino alle modalità di comunicazione orale) e un gruppo composto da diverse professionalità dell’Azienda USL di Bologna e rappresentanti del Terzo Settore ha lavorato sul tema affrontando la difficoltà riscontrata dalle persone nella comprensione di acronimi, sigle e termini specifici inglesi, latini o comunque tecnici che sono spesso utilizzati anche nella comunicazione scritta.

Tutti possono contribuire al miglioramento del glossario suggerendo termini da inserire, ma anche con osservazioni e proposte scrivendo all'indirizzo:

glossario.salute@ausl.bologna.it

Link


lunedì 9 dicembre 2019

Casalecchio. Allarmati per strani movimenti, chiamano i Carabinieri, sventano una rapina e fanno arrestare due malviventi .

Pistola carica e cappuccio tentano di rapinare la farmacia di San Biagio, ma vengono arrestati. I carabinieri erano appostati nelle vicinanze

Sabato scorso, 7 dicembre, due pluripregiudicati, un palermitano di 55 anni e un napoletano di 49, già arrestato sette volte, si apprestavano a rapinare la farmacia di San Biagio, a Casalecchio di Reno, ma sono stati prontamente bloccati dai Carabinieri ancor prima di entrare nei locali del servizio. I due erano stati notati aggirarsi con fare sospetto e preoccupante. Alcuni residenti hanno quindi segnalato al 12 i loro timori. I militari sono accorsi e si sono appostati per vedere cosa stessero tramando. I due, dopo essere saliti su un motorino, risultato poi rubato, si sono avvicinati alla farmacia, si sono incappucciati e impugnando una pistola vera, poi risultata carica, hanno fatto per entrare. A quel punto sono immediatamente stati bloccati e sono stati  arrestati per tentata rapina e ricettazione di armi. In farmacia nessuno si è accorto del pericolo e dell'accaduto.
Addosso ai due sono state trovate alcune fascette da elettricista con le le quale evidentemente intendono immobilizzare eventuali ostaggi.

Smog, scatta allerta in Emilia-Romagna

Divieto di circolazione anche ai veicoli diesel Euro 4

Scatta l'allerta smog in Emilia-Romagna: negli ultimi tre giorni (dal 6 all'8 dicembre) a causa di condizioni meteo stabili e favorevoli sono stati registrati in tutta la regione livelli di polveri sottili Pm10 superiori al valore limite di 50 microgrammi al metro cubo, con picchi di 77 microgrammi a Modena e Rimini. Valori superiori a 70 microgrammi sono stati rilevati dalle centraline Arpae anche nel Parmense, nel Reggiano, a Ferrara e Ravenna.
A causa degli sforamenti di polveri inquinanti da domani, 10 dicembre, fino a giovedì 12 dicembre, saranno in vigore le misure emergenziali anti-smog che prevedono, tra l'altro, il divieto di circolazione dei mezzi più inquinanti, compresi i diesel Euro 4. Scatta anche l'abbassamento del riscaldamento fino a un massimo di 19 gradi nelle abitazioni provate e fino a 17 gradi nei luoghi produttivi e attività commerciali. C'è il divieto di uso di biomasse in impianti domestici e di combustione all'aperto. (ANSA)

La festa dell’Immacolata ha portato albero e presepi a Sasso Marconi


Accensione dell'albero in piazza e presentazione dei presepi nell'oratorio di Sant'Apollonia, ieri, alla presenza di numerosi bambini che hanno anche offerto alla Madonna omaggi floreali. 

In piazza il sindaco, Roberto Parmeggiani e il parroco, don Paolo Russo, insieme hanno condotto cerimonia molto partecipata e quindi si sono trasferiti nella seicentesca chiesetta di Sant'Apollonia dove sono stati posti i presepi più belli e artistici della comunità. 
Al centro il grande presepe in terracotta ( foto sopra)  avviato alcuni anni fa in collaborazione tra Comune e Parrocchia, al quale ogni anno, come era tradizione un tempo, veniva aggiunta una statua. 

Sull'altare il presepe realizzato dagli ospiti del Centro Modiano di Borgonuovo ( nella foto)  e all'entrata il piccolo presepe di Norma Mascellani, allieva di Giorgio Morandi. Don Paolo si è soffermato a lungo con i bimbi ad ammirare il presepe meccanico con le statuette in movimento.

Presepe di Norma Mascellani


(Foto Marina) 

Congiuntura: nove mesi tra luci ed ombre per l'economia bolognese

Da inizio anno segnali di progressivo rallentamento.

Dubbio segnala

Il rallentamento è diffuso a tutti i principali indicatori congiunturali del settore manifatturiero: negativo il fatturato, -1,8% rispetto al primo novemestre del 2018, frenato dal calo di pari intensità delle vendite all’estero, in negativo anche gli ordinativi (-3,2% in complesso, -2,0% la domanda estera). In flessione la produzione (-1,2%), che dopo la tenuta dei primi sei mesi dell’anno, perde tre punti percentuali tra luglio e settembre. I primi nove mesi del 2019 fanno decisamente peggio di quanto registrato alla fine del settembre di un anno fa (quando i segni erano tutti positivi).

In flessione la metalmeccanica, con una tendenza negativa superiore al manifatturiero in complesso. Produzione e fatturato perdono oltre il 3%, il mercato estero oltre il 2%, resta preoccupante il calo degli ordinativi (-5,4%).

Ancora luci ed ombre per il comparto del packaging: preoccupano gli ordinativi, con un complessivo -2,7% (e un -2,8% tra luglio e settembre che di fatto annulla il recupero del secondo trimestre), e con una domanda estera che volge in negativo, rallentata dal -3,5% degli ultimi tre mesi. Segnali positivi vengono da produzione, fatturato ed esportazioni, che riducono la flessione rilevata da inizio anno (0,0%, -1,3% e -2,7% rispettivamente) con i risultati positivi dell’ultimo trimestre.

In controtendenza l’alimentare, che computa solo segni positivi: produzione, fatturato e ordinativi vanno oltre il +2%, crescono i mercati esteri (siamo attorno al +2% per esportazioni e domanda estera, con una crescita del +4% tra luglio e settembre).

Restano in rallentamento le costruzioni: -1,3% il volume d’affari nei primi nove mesi del 2019 (ma timidi segnali di ripresa con il +0,4% dell’ultimo trimestre).

Nel comparto dell’artigianato tassi ancora negativi per produzione, fatturato e ordinativi (-2,2%, -2,5% e -3,8% rispettivamente). Positivi invece i mercati esteri (+1,5% il fatturato estero).

Sostanzialmente stabile la cooperazione: produzione, fatturato, ordini ed esportazioni restano poco al di sopra di variazioni nulle.

Stabili anche i servizi, con un +0,3% nel volume d’affari complessivo (trainato dal +1,1% dell’ultimo trimestre).

In diminuzione le vendite del commercio al dettaglio (-1,1%), con tendenze negative per tutti i comparti: -1,0% gli alimentari, -1,1% il non alimentare, -1,0% la grande distribuzione. Nota positiva per il commercio all’ingrosso, +1,4% rispetto al volume d’affari del settembre 2018.

Positive le attività turistiche in complesso (+0,5%), nonostante la sostanziale stabilità del trimestre luglio-settembre. Continua la crescita delle strutture ricettive (+2,0%), tengono ristorazione e agenzie di viaggio (+0,1% e +0,4% rispettivamente, ma segnali di rallentamento nell’ultimo trimestre).



La Chiusa di Casalecchio di Reno non sta bene

Dubbio invia:


Le piene del Fiume Reno, registrate nel mese di novembre, hanno peggiorato ulteriormente la situazione della copertura del manto in granito della Chiusa di Casalecchio.
Le avverse condizioni metereologiche verificatesi all’inizio di ottobre hanno impedito il completamento della sistemazione del rivestimento, la potenza dell’acqua ha, in queste settimane di intense piogge, trovato una parte dello scivolo scoperto e, ad oggi, circa altri 60 mq di lastre sono state divelte, col rischio elevato che venga vanificato il lavoro di quest’anno ed intaccato anche quello di 10 anni fa.
Canali di Bologna, appena ci saranno le condizioni favorevoli, verificherà con precisione il danno e, quando non ci sarà acqua provvederà a tamponare temporaneamente l’area indifesa con una gettata di cemento armato di protezione in attesa dell’estate prossima dove si potrà agire nuovamente con i lavori di ripristino.

Alla Rocchetta torna Babbo Natale per la seconda edizione del “Castello dei balocchi”

Per un week-end l’atmosfera natalizia trasformerà la Rocchetta Mattei in un magico castello dei balocchi. Visita speciale con Babbo Natale, gli elfi, la Bella e la Bestia e tanti altri personaggi

Torna alla Rocchetta Mattei, nel fine settimana del 14 e del 15 dicembre dalle 10 alle 19, 'Il magico castello dei balocchi”, due giorni di incanto, magia e sogni, aspettando il Natale, in un contesto unico come quello del castello del conte Mattei: un percorso interattivo che vedrà un susseguirsi di giochi e intrattenimenti in ambientazioni fantastiche. I piccoli e i loro genitori saranno accompagnati in un tragitto molto particolare, allietato da musica natalizia, luci e animazioni nelle suggestive sale della Rocchetta.
Il percorso porterà i giovani esploratori a scoprire i segreti del Polo nord, a incontrare elfi birichini e incantevoli principesse, fino all’incontro più attesto: quello con Babbo Natale, pronto ad ascoltare i desideri di tutti i bimbi e a ricevere la loro letterina. È previsto inoltre un piccolo spettacolo e un laboratorio per bambini con realizzazione di un gadget da portare a casa. Ovviamente durante le due giornate sono sospese le visite guidate tradizionali.

La visita dura circa un’ora , con turni dalle 10 alle 19. 

Per partecipare è obbligatorio prenotare sul sito ufficiale della Rocchetta: www.rocchetta-mattei.it.

domenica 8 dicembre 2019

I presepi di Scola risplendono

Il Borgo medievale di La Scola si è oggi ufficialmente rivestito del Natale con l'inaugurazione del presepe di legno lungo le vie acciottolate del caseggiato. Il presepe è quest'anno illuminato, così che all'imbrunire si può gustare la suggestiva atmosfera natalizia offerta da questo angolo meraviglioso dell'Appennino.

Il presepe è opera degli scultori Alfredo Marchi e Renzo Bressan e già l’anno scorso ha ottenuto la menzione speciale del premio per i presepi organizzato da Il Resto del Carlino.
Nella sala dell’Associazione Sculca è stato inoltre allestito un percorso presepiale con una decina di opere di Alfredo Marchi che si intitola "Meditazioni sulla Natività" e sarà visitabile nei fine settimana e nei giorni festivi dalle 15.30 alle 18, negli altri giorni ed orari previo appuntamento. 
In occasione dell'inaugurazione di oggi è stato presentato anche il secondo volume sul “Natale a Scola” realizzato in collaborazione con l’Assemblea Legislativa della Regione Emilia-Romagna, un catalogo delle opere di Marchi, caratterizzate da richiami quanto mai attuali come quelli all’accoglienza dei migranti, accompagnati da brani del Vangelo o poesie dello stesso artista.

Erano presenti, oltre all'artista Alfredo Marchi ( nella foto) , la presidente dell'Associazione La Sculca, Silvia Rossi, la consigliera comunale di Grizzana Morandi, Giulia Testoni e per la Regione Emila Romagna, Luca Molinari. 






Il Presepio di Wolfango' va in mostra

Tra passato e presente a Santa Maria della Vita a Bologna


Da ANSA
 
Apre al pubblico oggi, domenica 8 dicembre, nella Chiesa di Santa Maria della Vita a Bologna, la mostra 'Il Presepio di Wolfango', curata dalla figlia dell'artista Alighiera Peretti Poggi e realizzata grazie alla collaborazione di Genus Bononiae, Fondazione Cassa di Risparmio in Bologna e Rekeep, con il patrocinio del Comune e della Chiesa di Bologna e le cui immagini, accuratamente descritte, sono raccolte nell'omonimo volume edito da Minerva. Inaugurazione sabato 7 alle 17 alla presenza del cardinale Matteo Maria Zuppi, del sindaco Virginio Merola e di Fabio Alberto Roversi-Monaco, presidente di Genus Bononiae. Musei nella città.
    Duecento statuine in terracotta che Wolfango (1926-2017) creò nell'arco di 50 anni, a partire dal '64, data di nascita della figlia Alighiera, compongono un bizzarro paesaggio sacro e profano nel quale, accanto alle iconografie classiche del presepio, fanno capolino bolognesi illustri e gente comune, grandi personaggi della storia di ogni tempo e la famiglia dell'artista.

A Vergato corsi gratuiti per assistenti familiari

Iscrizioni entro il 17 gennaio

Dubbio segnala:




Mostre: a Bologna 'Etruschi. Viaggio nelle terre dei Rasna'

Riuniti 1.400 oggetti da 60 musei ed enti italiani ed esteri


Il Museo civico archeologico di Bologna propone fino al 24 maggio 'Etruschi. Viaggio nelle terre dei Rasna', un progetto espositivo dedicato alla civiltà etrusca che comprende alcune delle principali novità di scavo e di studio degli ultimi anni. In mostra saranno circa 1.400 oggetti provenienti da 60 musei ed enti italiani e internazionali, tra cui British Museum, Louvre, Museé Royal d'Art e d'Histoire di Bruxelles, Ny Carlsberg Glyptotek di Copenhagen, Musei Vaticani e le principali Soprintendenze e istituzioni museali italiane.
    L'esposizione conduce i visitatori in un itinerario attraverso la terra degli Etruschi e mostra come non esista una sola Etruria, ma molteplici territori che hanno dato esiti di insediamento, urbanizzazione, gestione e modello economico differenti nello spazio e nel tempo, tutti però sotto l'egida di una sola cultura, quella etrusca. Accompagna la mostra un catalogo con saggi dedicati alle singole sezioni di mostre e un approfondimento sui musei etruschi italiani.(ANSA).

Una conferenza sul 'ruolo del verde nella mitigazione ambientale'.

Dubbio segnala



sabato 7 dicembre 2019

Vergato. Tenta di impiccare la moglie. L'ha appesa a un albero.

Arrestato per tentato omicidio, violenza sessuale e maltrattamenti in famiglia

Un uomo, marocchino di 61 anni, al culmine di una lite con la ex moglie, durante la quale l'aveva ripetutamente picchiata, l'ha caricata a forza in macchina, l'ha legata ad un albero con una corda al collo e l'ha lasciata lì, dolorante, in mezzo al bosco.

Il fatto, avvenuto nel marzo scorso, si è saputo solo ora dopo che i Carabinieri di Vergato hanno arrestato l'uomo per tentato omicidio, violenza sessuale e maltrattamenti in famiglia.

La donna, una 42enne, anch'essa marocchina, è riuscita, dopo diversi tentativi, a liberarsi, a tornare a piedi a casa e a chiedere aiuto ai figli.
I due, erano separati da alcuni mesi, ma conviventi. Dopo l'episodio la donna ha continuato a vivere nella paura finchè, dopo sei mesi, nello scorso settembre, ha trovato il coraggio di rivolgersi alle autorità e a denunciare il marito.
I Carabinieri hanno svolto le indagini ricostruendo le violenze e i soprusi subiti , compreso l'episodio del tentato omicidio. 
Il 61enne, disoccupato e con precedenti di polizia, è stato arrestato ieri, trasferito al carcere della Dozza e dovrà rispondere anche di violenza sessuale.  In base a quanto ricostruito dai militari, l'uomo ha infatti costretto l'ex moglie ad avere un rapporto sessuale.

La donna e i figli adolescenti sono stati affidati a una struttura protetta.


I particolari in  Ansa

 © ANSA

Dopo una discussione in casa, un 61enne di origine marocchina ha caricato a forza la moglie in auto, l'ha portata in un luogo isolato, le ha legato attorno al collo una corda tentando di ucciderla. Ha iniziato a picchiare la donna, 42enne, anche lei originaria del Marocco, che aveva chiesto e ottenuto la separazione da lui a inizio anno, che è riuscita a liberarsi quando ha ceduto il nodo stretto intorno alla gola.

E' scappata e ha raggiunto la sua casa a Vergato, dove abitavano anche i tre figli minorenni della coppia. L'episodio è avvenuto a marzo e, al termine delle indagini e dopo avere allontanato la madre e i figli dalla casa, i Carabinieri ieri hanno arrestato il 61enne, disoccupato e con precedenti, per tentato omicidio, violenza sessuale e maltrattamenti in famiglia. La 42enne, che lavorava come cameriera, ha avuto la forza di denunciare l'ex marito a settembre.

Dal bit all'intelligenza artificiale, dimmi come funziona…

Le attività di RaspiBO per giocare con la scienza e la tecnologia
 
Casalecchio di Reno propone 
La tecnologia che utilizziamo ogni giorno può essere "smontata" per la curiosità di conoscerne il funzionamento, e anche per adattarla alle esigenze personali: questo è da tanti anni il collante del collettivo RaspiBO, che oggi, sabato 7 dicembre, dalle 16 alle 19, in Casa della Conoscenza a Casalecchio di Reno, presenta le sue attività nell'incontro "Dal bit all'intelligenza artificiale, dimmi come funziona… RaspiBO: imparare giocando con la scienza e la tecnologia".

Oltre alle attività del gruppo, saranno illustrate le applicazioni in vari ambiti del computer Raspberry e, su un piano più teorico e didattico, come il pensiero computazionale può essere trasmesso alle giovani generazioni.

L'incontro è a ingresso libero.


Natale con i pattini da ghiaccio per i vergatesi

A Vergato per le feste natalizie arriva la pista da pattinaggio

La pista con alcuni membri della proloco
Domani, domenica 8 dicembre alle 10.30 sarà inaugurata a Vergato una pista di pattinaggio sul ghiaccio. La struttura  si trova nei pressi del parcheggio della stazione ferroviaria e sarà possibile frequentarla fino al 6 gennaio.

L'iniziativa è della proloco di Vergato che, come spiega Carla Antonelli, una delle consigliere, «voleva cogliere l'occasione delle vacanze natalizie per portare un'animazione di rilievo in città. Quando ci hanno proposto una pista per pattinare sul ghiaccio l'idea ci è subito piaciuta. E grazie al contributo di tanti il sogno si è realizzato».
La pista sarà aperta tutti i giorni dalle 14,30 alle 17,30 e la sera dalle 19,30 alle 22,30. Il sabato e la domenica, nonché nella settimana dal 23 al 31 dicembre si potrà pattinare anche al mattino, dalle 10 alle 12, mentre il pomeriggio si farà orario continuato dalle 14.30 alle 22
Nelle intenzioni degli organizzatori la pista deve diventare un'attrazione cui farà da contorno un paese in festa: l'8 dicembre ci saranno infatti mercati natalizi, stand gastronomici e la musica di Radio Venere, il 22 dicembre si ripete. 

La presidente della Proloco, Mariella Sileo, il vice Nicola Iollo (a sinistra) e Marco Cevenini