giovedì 19 aprile 2018

Festival del cibo di strada itinerante a Sasso Marconi


Fa tappa per la prima volta a Sasso Marconi "EATINERO", il festival del cibo di strada itinerante che da domani, 20 aprile e fino a domenica 22, porterà al Parco Marconi di Viale Kennedy una selezione di food truck con specialità provenienti da diverse regioni italiane.

Per l'intero week-end cittadini e visitatori troveranno nell'area del Parco Marconi colorati e divertenti furgoncini, food truck e apecar vintage e di design, trasformati in vere e proprie cucine su due ruote: a bordo di questi curiosi e variopinti mezzi, abili street chef prepareranno piatti tipici di street food e specialità gastronomiche regionali, tra cui ricette della tradizione toscana, carciofi alla giudia e proposte a base di tartufo (Eatinero sarà infatti una sorta di anteprima di Tartufesta, che in autunno tornerà puntuale ad animare le vie del centro di Sasso Marconi). Un ampia proposta di birre artigianali provenienti dai migliori microbirrifici italiani e i bartender (bar su quattro ruote dove trovare tanti diversi cocktail) completano il ricco 'menu' di Eatinero. 

Numerosi sono poi gli eventi collaterali che arricchiranno il programma della kermesse. Sabato 21 il programma prevede lo spettacolo di BMX Freestyle di Luca Contoli (direttamente da Italia's Got Talent) e, in serata, il Silent Party, che offrirà ai partecipanti la possibilità di scegliere quale genere musicale ascoltare in cuffia tra quelli proposti contemporaneamente da tre DJ . Domenica 22, in occasione della Giornata Mondiale della Terra - dedicata alla tutela dell'ambiente e alla salvaguardia del pianeta - sono in programma un laboratorio di riciclo creativo e sostenibile e "Netturbizio", divertente spettacolo che, attraverso magia, musica e narrazioni animate, mostrerà a grandi e piccini la "magia del riciclaggio". 

A chiudere il week-end penseranno gli allievi della scuola "Music Factory", che accompagneranno il pubblico in un viaggio musicale tra i pezzi che hanno fatto la storia del rock.
Per scaricare il press kit completo: https://bit.ly/2INg7eX

LE R ICETTE ECLUSIVE PER ANTEPRIMA TARTUFESTA
:
Scottadito:
Olive ascolane al tartufo

La Toraia:
Hamburger con crema al tartufo e crema di parmigiano

Toscanacci on the road:
Lampredotto con salsa tartufata

Revuelto:
Arepas al tartufo


Cena di autofinanziamento di Anpi

Da Anpi Alta Valle del Reno



Violenza sessuale, fermato Tivadar il palpeggiatore seriale

L'aggressione domenica mattina nel centro storico di Bologna



C'è un fermo della squadra mobile per l'aggressione sessuale di una studentessa, ed è una conferma. L'assolitore è infatti Cesarin Tivadar, romeno, conosciuto anche come il 'palpeggiatore di Bologna'. Noto è anche il suo volto biondo, finito nel 2014 al centro di un identikit che spaventò per alcuni giorni una città intera e fece il giro del web, prima della cattura in Danimarca: accusato di violenti palpeggiamenti ai danni di donne in zona universitaria, alla fine si scusò e patteggiò due anni, con pena sospesa. E fu libero, fino a ieri sera. E' lui presunto responsabile della violenza sessuale avvenuta all'alba di domenica mattina, vittima una studentessa universitaria. La ragazza è stata seguita e aggredita verso le 6 in vicolo Santa Lucia, pieno centro storico, dentro dell'androne di casa. La giovane ad un certo punto è riuscita a divincolarsi e a fuggire nel proprio appartamento.
Cesarin Roberto Tivadar, 30 anni, difeso dall'avvocato Ercole Cavarretta, fu arrestato a fine gennaio 2014 con mandato d'arresto europeo e poi fu giudicato per due sole aggressioni sessuali di un paio di settimane prima, nonostante all'inizio gli accertamenti fossero su numerosi episodi di cui era sospettato. Bologna infatti in quei giorni visse un periodo di forte preoccupazione e allarme, con segnalazioni che si moltiplicavano e alcuni gruppi social che avevano preso a ironizzare sul biondino palpeggiatore (di cui era stato diffuso un disegno/identikit che alla fine si rivelò non essere poi così simile al vero) che risultava inafferrabile. La vicenda processuale si chiuse in pochi mesi, a luglio, dopo l'interrogatorio davanti al procuratore aggiunto Valter Giovannini, in cui l'indagato aveva ammesso le proprie responsabilità per due episodi e chiesto scusa, alle vittime e alla città.


Trekking a Monte Sole con 'Memoria in Cammino'


Riceviamo: 




Identificati gli “sciacalli” che rapinavano i clienti del centro commerciale “Centronova” di Castenaso.


Il Comando della Legione Carabinieri informa:

I Carabinieri di Molinella hanno eseguito una misura cautelare agli arresti domiciliari nei confronti di A.D.R., ventitreenne, Bryan CELESTI ventenne (attualmente detenuto nel carcere di Bologna per reati analoghi) e Davide TOMMASINI, ventunenne e dell’obbligo di presentazione quotidiana alla Polizia Giudiziaria nei confronti di Daniel BONORA, ventitreenne, tutti bolognesi, tranne quest’ultimo, nato a Ferrara. Il provvedimento, emesso dal Giudice per le Indagini Preliminari, nasce da un’informativa dei Carabinieri che, grazie a un’attività investigativa, coordinata dalla Procura della Repubblica di Bologna, sono riusciti a risalire all’identità dei soggetti, indagati per una serie di rapine e furti con strappo commessi di recente ai danni dei clienti, soprattutto donne sulla cinquantina, del centro commerciale “Centronova” di Castenaso. 
Da sin. capitano Mattia Ivano 
     Losciale, sotto tenente Marco Obinu,
Il modus operandi dei criminali era sempre lo stesso: “osservazione – inseguimento – azione”. I rapinatori, infatti, dopo aver scelto la vittima, che selezionavano comodamente seduti da una panchina di un chiosco del centro commerciale e davanti a una birra, la seguivano fino a casa. Non appena la malcapitata scendeva dall’auto e si accingeva a scaricare la spesa, i delinquenti, ognuno con il suo ruolo (palo, autista e rapinatore) passavano all’azione usando un approccio, prima gentile, con frasi del tipo: “Complimenti per il cagnolino signora, lo posso accarezzare?” poi violento, per impossessarsi delle collane, solitamente in oro, che le vittime portavano al collo. Le donne che sono state rapinate dal gruppo sono residenti tra Molinella, Budrio, Castenaso e Bologna. Alcune di loro sono rimaste traumatizzate per diversi giorni. 

 Gli indagati.



 

Autostrade con il 'braccino corto'. Ripoli, lacerata dallo tsunami dei lavori per la galleria della 'direttissima', dovrà riqualificarsi con un solo milione.


Autostrade non si smentisce. I danni provati dai lavori per il passeggio della galleria della Variante di Valico, lavori che hanno intercettato una frana storica quiescente con immaginabile conseguenze , costeranno alla società poco più di un
milione di euro. A Ripoli il dissesto, ad Autostrade un misero conticino da saldare. Evviva la compensazione.

Ha dato notizia della novità l'Unione dei Comuni dell'Appennino che in un comunicato precisa:


Da Autostrade per l’Italia arrivano poco più di un milione e trecentomila euro per la riqualificazione di Ripoli, frazione del comune pesantemente segnata dai lavori della Variante di Valico

La mattina del 16 aprile il Sindaco di San Benedetto Val di Sambro, Alessandro Santoni, ( nella foto)  ha firmato una convenzione con Società Autostrade per la realizzazione di una serie di ulteriori interventi compensativi nella frazione di Ripoli.
Da Autostrade arriveranno infatti poco più di un milione e trecentomila euro (per l'esattezza 1.317.091,91 €) per eseguire una serie diffusa di interventi di riqualificazione e rigenerazione urbana della frazione ed in particolare degli spazi destinati alla socialità.
Ripoli è stata una delle realtà che ha maggiormente risentito dei lavori di realizzazione della Variante di Valico. In concomitanza con gli scavi della galleria, che passa sotto al paese, si era infatti riattivato un movimento franoso che aveva costretto Autostrade a predisporre opere di
stabilizzazione originariamente non previste. Opere senz’altro necessarie, che avevano comportato però un impatto sul territorio pari - se non forse più accentuato - a quello generato dalla realizzazione del tracciato autostradale stesso.
La convenzione rappresenta la conclusione di un percorso avviato dall’amministrazione appena
insediata nel luglio del 2014, volta a ottenere interventi compensativi per la frazione di Ripoli,
che ha coinvolto, oltre al Comune e Autostrade, anche il Ministero dei Trasporti e la Regione
Emilia-Romagna. 
Quello raggiunto oggi è un grande risultato
commenta il Sindaco Alessandro Santoni “
per il rilancio di Ripoli, un segno positivo ed un rinnovato inizio che mi auguro possa rispondere alle aspettative di tutti i cittadini della frazione ”.
E gli amministratori comunali guardano al futuro con ottimismo non solo per questo risultato, ma anche grazie ai riscontri positivi che arrivano dal monitoraggio del versante che, anche a seguito degli interventi di stabilizzazione in corso di ultimazione, confermano come si stia procedendo in maniera concreta alla definitiva messa in sicurezza dell’area.
Speriamo si possa ricominciare a parlare di Ripoli in termini positivi,” continua Santoni,  “ossia di un posto in cui val la pena investire sia per le sue peculiarità paesaggistiche, sia per la sua vicinanza e comodità alle principali vie di comunicazione quali appunto l'autostrada e la
stazione ferroviaria lungo la linea direttissima Bologna-Firenze ”.

Ripoli in festa

mercoledì 18 aprile 2018

Camion si ribalta in A14, code a Bologna

Mezzo pesante 'intraversato' fra due corsie



Da ANSA

Un mezzo pesante che procedeva nel tratto bolognese della A14 in direzione Casalecchio di Reno si è ribaltato, occupando sia la corsia di sorpasso in Nord che la corsia di sorpasso in Sud. L'incidente, la cui dinamica è ancora da chiarire, non avrebbe causato vittime, è avvenuto verso le 17.30 e ha paralizzato il nodo autostradale di Bologna. Sono segnalati 6 km di coda tra il bivio per la A1 e il bivio per la A13 in direzione Ancona, e altrettanti tra San Lazzaro ed il bivio per il raccordo di Casalecchio verso la A1 Milano-Napoli. Ripercussioni per lo stesso incidente ci sono anche sul raccordo di Casalecchio in direzione della A14, sulla A13 Bologna-Padova e sulla tangenziale.

Bosco (Lega): Il parco di Fico perde pezzi, ridimensionare aspettative e correggere il tiro.

Riceviamo:

"Dopo aver affrontato l'andamento di Fico nella seduta di consiglio Comunale di lunedì, ieri sera sono arrivate le rincuoranti rassicurazioni dei gestori di FICO che snocciolano dettagliatissimi dati sulle visite e sul volume dell'indotto che il Parco Agroalimentare, avrebbe portato alla città, stimato in circa 10 milioni di euro. Non passano 24 ore dal comunicato stampa che il primo ristoratore annuncia la chiusura dell'attività a soli 5 mesi dall'apertura. L'Amministrazione PD ha pesantemente sopravvalutato il potenziale del Parco al punto di approvare varianti urbanistiche e concedere gratuitamente spazi per i quali altri imprenditori avrebbero sborsato cifre astronomiche. Ora che i nodi vengono al pettine, il PD continua, dai banchi di Giunta e Consiglio, a fare proclami ottimistici, rimandando la discussione sui necessari correttivi, a partire dal Fico Bus, ormai ribattezzato Flop Bus. Non ci stiamo a passare per i corvi, nessuno in città ha interesse a far andare male FICO, ma è ora che Farinetti e per la politica prendano atto della realtà. Solo così potremmo salvare il salvabile."


In ricordo di Giuseppe Tomas

Paolo Giuffrida informa:



Sotto  i materiali per l'iscrizione al concorso di critica cinematografica  rivolto ai giovani,  organizzato in ricordo del caro Giuseppe Tomas, scomparso il 5 febbraio del 2017.
Inoltre stiamo anche organizzando, sempre dedicata all'amico Tomas, per martedì Primo Maggio, una festa popolare con pranzo (per chi volesse e solo su prenotazine) e concerto di musica balcanica con un trio divalenti musicisti e a seguire altri momenti di spettacolo e approfondimento, a Pioppe, al Magazzino.

Per informazioni e chiarimenti, tel. 3282316311 (Paolo)










Si ribalta tir carico di tacchini in A1

Code da Bologna a Modena, lievi contusioni per l'autista

 
Da ANSA

Un autotreno che trasportava gabbie con tacchini vivi si è ribaltato su un fianco nei pressi di Valsamoggia, sulla Autostrada A1 Milano-Napoli. L'incidente è avvenuto questa mattina alle 3.15 in carreggiata sud, direzione Bologna. Sul posto personale tecnico e mezzi di Autostrade per l'Italia e polizia stradale che ha avviato accertamenti per chiarire la dinamica: stando alle prime informazioni non ci sarebbero altri mezzi coinvolti. Alcune gabbie si sono aperte e i tacchini sono stati recuperati. Nella cabina del mezzo pesante c'era solo l'autista al volante che avrebbe riportato alcune contusioni. Pesanti le ripercussioni sulla circolazione nell'intero nodo bolognese e fino a Modena.

Silvia Piccinini: “Ficobus, il flop è inarrestabile”.

Solo 4 passeggeri a corsa. Piccinini : “Pubblicità sui bus senza nessun contratto. la presidente Gualtieri deve dimettersi”
 
Il Movimento 5 Stelle regionale invia: 
 
Silvia Piccinini ( nella foto) , capogruppo regionale del MoVimento 5 Stelle, ha presentato un question time in aula sul caso del maxi sconto concesso da TPER al parco commerciale di Oscar Farinetti in base a un semplice accordo verbale.
 
 
Che TPER abbia venduto spazi pubblicitari a FICO sulla base di un accordo esclusivamente verbale è una notizia di una gravità inaudita e per la quale chiediamo alla presidente Giuseppina Gualtieri di dimettersi immediatamente. Ci chiediamo a quale comune mortale sia data la possibilità di marchiare con la pubblicità della propria attività commerciale 4 nuovi autobus lunghi 18 metri dietro la promessa di pagare appena 40 mila euro e suggellando il tutto con una semplice stretta di mano. Se non fosse drammaticamente vera questa sarebbe una sceneggiatura perfetta per uno dei film di Totò, magari quello in cui riesce a vendere la Fontana di Trevi. Così come è inaccettabile che la Regione, e in particolare l’assessore Donini, se ne lavino le mani non volendo prendere nessuna posizione al riguardo quando, vale la pena ricordarlo, i FICOBUS sono stati pagati con fondi regionali”. È questo il commento di Silvia Piccinini, capogruppo regionale del MoVimento 5 Stelle, dopo che questa mattina l’assessore regionale ai Trasporti, Raffaele Donini, ha risposto in aula a un question time che riguardava proprio gli accordi commerciali tra TPER e FICO per l’allestimento della pubblicità sui 4 bus destinati al trasporto dei passeggeri verso il parco commerciale di Oscar Farinetti. “Siamo arrivati al paradosso che questi bus trasportano più pubblicità che persone – spiega Silvia Piccinini – Secondo gli ultimi dati che abbiamo ricevuto, da gennaio a febbraio 2018, le persone che sono salite su questi bus sono state poco più di 17mila, abbonamenti compresi, per una media di appena 4 persone a corsa contro i 6 del primo mese e mezzo di apertura del parco. Un flop che oltre che evidente a questo punto è inarrestabile e che dovrebbe spingere la Regione, TPER e il Comune di Bologna a far finire immediatamente una sperimentazione che non serve più a nessuno”. “Come abbiamo denunciato oggi in aula – aggiunge Silvia Piccinini - ci troviamo davanti all’ennesimo favore fatto a Farinetti. A qualsiasi imprenditore che volesse marchiare un autobus per un anno con la pubblicità della propria azienda viene chiesto un importo di quasi 20mila euro per autobus, esattamente la metà di quanto chiesto verbalmente a FICO, aggirando addirittura il concessionario ufficiale, ovvero Igpdecaux. Alla luce di tutto ciò - conclude Silvia Piccinini – adesso assume un significato più chiaro la proposta fatta dallo stesso Farinetti qualche settimana fa, ovvero quella di far passare i suoi autobus addirittura in centro storico a Bologna per attirare così più persone. A queste condizioni come dargli torto?”.

Carabinieri recuperano 8 moto rubate

Erano pronte per essere spedite all'estero, due denunciati


Da ANSA


Otto moto di grossa cilindrata, rubate e pronte per essere spedite all'estero, sono state recuperate a Casalfiumanese dai Carabinieri, che hanno denunciato due ucraini di 25 e 37 anni per furto aggravato e ricettazione in concorso. I motocicli erano stati smontati e le varie parti accuratamente impacchettate e sistemate dentro furgoni, in partenza per destinazioni ancora imprecisate dove sarebbero state probabilmente riassemblate e rivendute. I due ucraini sono stati individuati nel corso di una indagine su una serie di furti in garage e abitazioni commessi nell'Imolese e nella Vallata del Santerno. I militari hanno eseguito una perquisizione domiciliare nella casa in uso ai sospettati, trovando le moto che sono risultate rubate fra il Bolognese e il Fiorentino. Sono state inoltre sequestrate diverse ricetrasmittenti e alcuni 'jammer', disturbatori di frequenza utilizzati per ingannare gli antifurto elettronici.

L'olio di frittura non va buttato, ma portato negli appositi contenitori. I benefici sono molteplici.


Dal 20 febbraio sono stati installati a Sasso Marconi sei contenitori per la raccolta degli olii esausti. I punti di raccolta sono cinque che si vanno a sommare a quello che già esisteva all’interno della rifiuteria comunale in Via Vizzano.

Due contenitori sono posizionati davanti all’ingresso della Coop in Via Amedani nel Capoluogo, uno nei pressi del centro sociale di Borgonuovo in Via Cartiera, uno all’angolo tra via Olivetta e Via Scopeto a servizio della frazione Tignano Roma, uno nei pressi di Piazza Cremonini alla Fontana e l’ultimo nel parcheggio dei Cinque Cerri di fianco al benzinaio. “Da tempo avevamo richiesto a Hera di provvedere alla
installazione dei contenitori,” ha detto l’assessore ai lavori pubblici Renzo Corti ( nella foto)  che insieme all’Ufficio Ambiente ha gestito l’iniziativa. “ Mi ritengo molto soddisfatto per aver fornito l'opportunità di conferire comodamente e a tutte le ore gli oli esausti alimentari, senza doverli portane direttamente in Via Vizzano e senza dover sottostare agli orari di apertura della rifiuteria” ha proseguito. “Ne trarrà grande beneficio anche l’ambiente in quanto meno persone saranno indotte a gettare l’olio di frittura direttamente nel lavandino. Ciò ridurrà notevolmente i danni che queste sostanze provocano alle condotte fognarie private e comunali e agli impianti di depurazione”.

Ogni contenitore è fornito di tabella con le istruzioni che è molto importante seguire. Si potrà conferire solo olio alimentare (esclusi quindi quelli derivanti da utilizzo meccanico o altro) dopo averlo versato con l’imbuto all’interno di bottiglie di plastica (quelle dell’acqua) chiuse con il loro tappo. E’ vietato introdurre bottiglie vuote, bottiglie di vetro o olio sfuso.

martedì 17 aprile 2018

Trasporto pubblico, arriva la card unica per viaggiare su treni e bus

Disponibile da oggi 16 aprile, è gratuita e valida per 5 anni. Si potrà viaggiare con un'unica tessera su Trenitalia, sui trenini locali dell'Emilia-Romagna e sui bus urbani di tutte le città capolugo della regione, ma anche di Imola, Faenza e Carpi.


E' la carta "Unica Emilia-Romagna", disponibile da oggi 16 aprile: dentro la card potranno essere caricati tutti gli abbonamenti regionali e sovraregionali ai treni, oltre che gli abbonamenti intermodali MIMuovo e MiMuovoCity+.
In futuro sarà possibile caricare anche i biglietti di corsa semplice di Trenitalia, di altri operatori ed eventuali abbonamenti a bike sharing. Le ricariche potranno essere eseguite nelle normali biglietterie o online sui sito di Trenitalia. In questo modo i viaggiatori, potranno uscire da casa e "arrivare a destinazione usando un unico supporto", come sottolinea l'ad di Trenitalia Orazio Iacono. La card, gratuita e valida per 5 anni, è già stata distribuita in Veneto, Piemonte e Toscana. 
"Non abbiamo risolto tutti i problemi, i pendolari ce lo ricordano tutti i giorni, ma c'e' stato un salto di qualità", rivendica l'assessore regionale ai Trasporti, Raffaele Donini, durante la presentazione della carta.


Per Federconsumatori si tratta di "una risposta concreta alle aspettative degli utenti", ma "la massima attenzione andrà riposta nelle scelte tariffarie che per Federconsumatori devono essere funzionali a sostenere le scelte degli utenti a favore di una mobilità maggiormente sostenibile. Scelte annunciate ogni volta dagli amministratori che si scontrano con la pratica quotidiana di tariffe poco attraenti, come avviene nelle maggiori aree urbane o nei collegamenti dinuova istituzione come F.I.CO o il nascente Poeple Mover", assicura l'associazione. 

( Da Bologna Today)

Consuntivo sulla Attività dei Carabinieri della Compagnia Bologna Borgo Panigale.



Il Comando della Legione Carabinieri invia: 


Nel primo quadrimestre dell’anno 2018, in relazione alle direttive del Comandante Provinciale dei Carabinieri di Bologna, Colonnello Valerio Giardina, su tutto il territorio cittadino e della provincia sono state intensificate le attività di controllo, finalizzate alla prevenzione e repressione dei reati, con particolare attenzione a quelli predatori ed allo spaccio di sostanze stupefacenti. Al riguardo, al fine di rendere più efficace l’azione preventiva e quella repressiva, è stata implementata altresì l’attività di analisi e monitoraggio dell’andamento della delittuosità, finalizzata ad individuare le aree più a rischio e così porre in essere azioni preventive e repressive più efficaci ed aderenti alle mutevoli esigenze del territorio.

Sulla base delle suddette attività, la Compagnia di Bologna Borgo Panigale ha eseguito un servizio di controllo straordinario del territorio, con l’ausilio dei reparti speciali dell’Arma dei Carabinieri tra cui il Nucleo Antisofisticazioni e Sanità e il 13° Nucleo Elicotteri Carabinieri di Forlì, che ha permesso di:
1)   irrogare sanzioni amministrative e segnalare alla Prefettura di Bologna 10 (dieci) giovani per detenzione e uso di sostanze stupefacenti (Art. 75 d.P.R. 309/90), tra Casalecchio, Bazzano, Zola Predosa e Sasso Marconi;
2)   controllare 4 esercizi commerciali, risultati in regola, ed i relativi avventori;
3)   contestare 45 violazioni al Codice della Strada con contestuale sottoposizione a fermo amministrativo di tre veicoli e sanzioni pecuniarie di 12.000€ circa.
Nel suddetto periodo, la Compagnia di Bologna Borgo Panigale ha eseguito delle operazioni di servizio mirate a contrastare le problematiche ritenute al momento più emergenti. In particolare:
1)   in Casalecchio di Reno, i Carabinieri della locale Stazione, operando nell’ambito delle direttive della Procura della Repubblica presso il Tribunale per i minorenni di Bologna, hanno deferito in s.l. 11 minorenni, ritenuti responsabili a vario titolo dei reati di minaccia, violenza privata, percosse, lesioni personali e tentata rapina, perpetrati nel quartiere Meridiana di Casalecchio. In particolare, le indagini, condotte dalla citata Stazione Carabinieri, sotto l’alta direzione della Procura della Repubblica presso il Tribunale per i minorenni di Bologna, hanno consentito di accertare che, dal mese di dicembre 2017 al febbraio scorso, in più occasioni, nelle aree adiacenti al centro commerciale “Meridiana”, di Casalecchio di Reno, i citati giovani (di età comprese tra i 14 ed i 15 anni) ed un giovane 13 enne, non imputabile, in gruppo, per futili motivi, avevano aggredito altri minori e in un’occasione avevano tentato di sottrarre ad un altro giovane il portafoglio, senza riuscirvi;
2)   Nella mattina dello scorso 11 aprile, i militari dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Borgo Panigale traevano in arresto un pluripregiudicato romano, il quale si era introdotto all’interno di una ditta della zona industriale di Castel Maggiore, trafugando alcuni beni e denaro all’interno degli armadietti dello spogliatoio della ditta. L’intervento immediato dei carabinieri, allertati al 112 da uno dei responsabili della ditta, consentiva di bloccare il malvivente dopo una breve colluttazione e di rinvenire, all’esito di una perquisizione sullo stesso e sul suo veicolo, il denaro asportato dagli armadietti, nonché denaro, documenti e altri beni risultati oggetto di furto su autovettura nel quartiere Corticella di Bologna.

Il resoconto dell'incontro per l'ospedale inviato da Noi Voi Vergato.

Morena Cioni, del Comitato NOI VOI VERGATO, scrive:

Qualcuno ha chiesto un resoconto della riunione della serata del 11 aprile in sala Papa Giovanni, eccolo:

Il comitato ha incontrato i cittadini per discutere sugli sviluppi del trasferimento del reparto di ortopedia che a tutti gli effetti è già iniziato.

Quello che abbiamo deciso è un doppio percorso grazie ai suggerimenti dei vari partecipanti, come comitato e delegazione di liberi  cittadini abbiamo chiesto di poter incontrare i vari sindaci soprattutto i sindaci di Marzabotto e di Vergato per potergli esporre le nostre perplessità.

Sono state spedite le mail di richiesta, speriamo in una reale possibilità di confronto, diversamente ci vedremo costretti a scendere di nuovo in piazza per chiedere la sospensiva del trasferimento o in alternativa le dimissioni del sindaco e di tutta la giunta.

Allo stesso tempo si porterà avanti un percorso politico iniziato ormai da mesi, come l’incontro con l’assessore alla sanità , Giugliano Barigazzi, che solo grazie al neo senatore GALEAZZO BIGNAMI e all’assessore MARCO LISEI siamo riusciti ad ottenere oltre alle varie interrogazioni da loro presentate .

Ci siamo rivolti anche al consigliere regionale Daniele Marchetti il quale ha già presentato una interrogazione alla regione e si è impegnato a presentare a breve una risoluzione per far dichiarare VERGATO ZONA DISAGIATA.
Il sindaco di Marzabotto Romano Franchi ha accettato di incontrarci .



Casalecchio di Reno dedica la settimana all’ambiente

Gli appuntamenti da domani, mercoledì 18, a venerdì 20 aprile con incontri, laboratori, visite guidate e letture animate


Il Comune di Casalecchio di Reno informa: 

#CasalecchioGreenWeek, la Settimana dell’Ambiente di Casalecchio di Reno, propone svariate iniziative all’insegna dell’ecologia, del verde e della cultura: incontri, visite guidate, laboratori e letture animate per i bambini.

Segnaliamo in particolare:

Mercoledì 18 aprile
Com’è profondo il mare – Sguardi su coste e fondali da Folco Quilici alle missioni spaziali”, alle 18 in Piazza delle Culture alla Casa della Conoscenza (via Porrettana 360). Si tratta di un incontro aperto a tutti i cittadini in memoria di Folco Quilici ed in collaborazione con DivEducation e Amici Sub Bologna.
Giovedì 19 aprile
Dalle 17 alle 19, con ritrovo alla Casa per l’Ambiente, all’ingresso del Parco della Chiusa , si terrà una visita guidata al parco a cura di Alessandro Conte, Guida Ambientale Escursionistica e consigliere della CSL-Comunità Solare locale.
Venerdì 20 aprile
Dalle  17 alle 19, in Sala Foschi, Casa della Solidarietà (via del Fanciullo 6) avrà luogo un laboratorio sull’energia “Be human smart”, rivolto a bambini della scuola primaria, 4° e 5° anno. A cura della Comunità Solare di Casalecchio di Reno.
Inoltre, da mercoledì 18 a venerdì 20 aprile, tra l’area ragazzi della Casa della Conoscenza avranno luogo nelle tre giornate letture animate sul tema del verde, rivolte a bambini dai 2 ai 6 anni, dalle 17 alle 18.

#CasalecchioGreenWeek: una Settimana dell’ambiente ricchissima di iniziative dedicate al rispetto dell’ambiente e degli spazi verdi del territorio, per incentivare la mobilità sostenibile e gli stili di vita sani, promossa dall’Amministrazione comunale di Casalecchio di Reno con il coordinamento del CCRR - Consiglio Comunale dei Ragazzi e delle Ragazze e la collaborazione di: servizio Casalecchio delle Culture, LInFA Luogo Infanzia Famiglie Adolescenza, Polizia locale, Amici Vigili, Comunità Solare Locale, Polisportiva Giovanni Masi, le associazioni ambientaliste WWF, Legambiente Circolo SettaSamoggiaReno, le Guardie Ecologiche Volontarie, Melamangio, Spazio Eco, SRM con la campagna Bella Mossa, Centro Antartide con la campagna Siamo nati per camminare e con il contributo di Natura Sì.

Per i dettagli delle singole iniziative e per iscriversi online:

Vergato. Settantenne muore investita mentre attraversa sulle strisce pedonali.

 
I Carabinieri della Stazione di Vergato hanno avviato le indagini per omicidio stradale nei confronti di una venticinquenne italiana che nella serata di ieri, mentre si trovava al volante di una Citroën C3, ha investito una settantenne del luogo che stava attraversando le strisce pedonali in via della Repubblica. L’anziana è deceduta poco dopo l’impatto a causa delle ferite riportate. La salma è stata trasportata al Deposito Osservazione Salme di Bologna, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

La foto è dei  Carabinieri di Vergato.

Castiglione dei Pepoli si illumina a LED


Il Comune prevede di risparmiare fino a 80 mila € l’anno sostituendo le lampade dell’illuminazione pubblica, grazie ad un gioco di squadra che ha coinvolto diversi uffici interni, risparmiando pertanto i costi di un eventuale affidamento all’esterno.

L'Unione dei Comuni dell'Appennino bolognese informa:


A Castiglione dei Pepoli l’amministrazione ha deciso di puntare sul risparmio energetico  sostituendo le lampade dell’illuminazione pubblica con nuovi dispositivi led: opzione oculata sempre più popolare tra gli enti pubblici.
In effetti è molto diffusa la scelta da parte dei comuni di affidarsi a questo tipo di investimenti.
Nel caso di Castiglione le risorse (210.000 euro per il primo stralcio che parte ora e 160.000 il secondo stralcio programmato più avanti) sono state reperite tramite recupero dell’evasione fiscale e di mancati pagamenti da parte dell’ufficio tributi, che le ha messe a disposizione dell’ufficio tecnico. A quel punto l’ufficio ha progettato l’impianto e attivato gli elettricisti che si occuperanno della sostituzione di circa 1600 punti luce.
Visto che montaggio e gestione saranno interni, l’unico costo da affrontare è riferito all’acquisto dei materiali (lampade led): a fronte di una spesa complessiva di 370 mila €, il Comune conta di risparmiare al termine dell’operazione circa 70-80 mila € l’anno. Senza contare che il led è una tecnologia che richiede costi di manutenzione inferiori rispetto alle lampade di vecchia generazione.



Educazione finanziaria, Ivass: online prima versione del portale Quello che conta

Da oggi è online la prima versione del portale pubblico di educazione finanziaria, assicurativa e previdenziale “Quello che conta” , frutto del lavoro del Comitato per la programmazione e il coordinamento delle attività di educazione finanziaria guidato da Annamaria Lusardi.
Il portale offre ai cittadini una fonte informativa autorevole, semplice, rigorosa e indipendente, per aiutarli a prendere decisioni consapevoli nel campo della finanza personale e familiare, dell’assicurazione e della previdenza.
Nel portale Quello che conta sono disponibili: 5 consigli elementari, utili a ridurre il rischio davanti alle scelte sull’impiego delle proprie risorse finanziarie, 7 cose da sapere senza le quali ogni scelta potrebbe risultare poco consapevole e 12 guide pratiche che aiutano a comprendere i rischi e le opportunità che si presentano in specifiche circostanze.
Questo contenuto è corredato di un glossario di finanza, assicurazione e previdenza in continua evoluzione e della descrizione dei diversi strumenti bancari, finanziari, previdenziali ed assicurativi accessibili sul mercato. L’accesso ai contenuti è guidato attraverso l’identificazione esemplificativa di 6 momenti che contano nella vita e di nozioni di base utili ad affrontare le scelte di tutti i giorni.
In futuro il portale includerà strumenti di simulazione e auto-apprendimento e fornirà informazioni sulle iniziative e le occasioni di educazione finanziaria, assicurativa e previdenziale promosse dal Comitato.
I contenuti del portale sono curati dal Comitato per la programmazione e il coordinamento delle attività di educazione finanziaria, cui partecipano amministrazioni centrali dello Stato, autorità indipendenti e rappresentanze dei consumatori (Ministero dell’economia e delle finanze, Ministero dell’istruzione dell’università e della ricerca, Ministero dello sviluppo economico, Banca d’Italia, Consob, Ivass, Covip, Consiglio nazionale dei consumatori e degli utenti, Organismo di vigilanza e tenuta dell’albo dei consulenti finanziari).
Il portale viene pubblicato in versione beta, concepita come un test aperto a suggerimenti e indicazioni che cittadini e organizzazioni vorranno trasmettere per migliorarne contenuto e linguaggio, contribuendo con le proprie competenze ed esperienze.
Con la pubblicazione del portale Quello che conta parte anche la consultazione della Strategia nazionale per l’educazione finanziaria, assicurativa e previdenziale, che resterà aperta fino al 31 maggio 2018. 
La Strategia nazionale ha un obiettivo ambizioso, da conseguire in una prospettiva di lungo periodo: agevolare tutti i cittadini nell’acquisizione di conoscenze e competenze finanziarie perché ciascuno, con le risorse di cui dispone, possa effettuare scelte tali da contribuire a costruire un futuro sereno e sicuro. Per assicurare che la Strategia prenda in considerazione tutte le esigenze della collettività, il Comitato chiede a cittadini, centri di ricerca, associazioni di consumatori, investitori, imprese, sindacati, di partecipare alla stesura della versione definitiva fornendo opinioni e suggerimenti sulla bozza posta in consultazione.

Sono stati alcuni ragazzi a vandalizzare il dissuasore della Porrettana a Sassoi Marconi.

Sono certamente stati dei giovanissimi a scalzare dalla base il dissuasore di velocità installato sulla Porrettana nell'ingresso nord di Sasso Marconi. 

Sono stati visti da una signora che risiede nell'area mentre spingevano con forza il 'tubo arancione' di controllo. 

La signora si è affacciata richiamata dagli insoliti rumori e, irritata per ciò che stava accadendo, ha subito chiamato il 112 affinchè si intervenisse per porre termine all'inutile e inspiegabile azione vandalica . 

Quando i Carabinieri sono giunti sul posto però i ragazzi avevano già terminato l'impresa o avevano subodorato il rischio di essere presi sul fatto e si erano allontanati.

 L'assessore ai lavori pubblici di Sasso Marconi, Renzo Corti, ha precisato che si sta indagando per risalire ai colpevoli.

lunedì 16 aprile 2018

Al via il secondo ciclo di Edu-care. Educare alla salute.

Sei incontri con esperti, promossi da Azienda USL di Bologna e Fondazione FICO. Domani, 17 aprile, il primo appuntamento sui segreti del microbiota umano

Riceviamo:

Bologna e Fondazione FICO con il titolo Edu-care. Educare alla salute rivolta ai cittadini per approfondire i tanti temi che ruotano attorno al cibo in chiave di salute.
Il secondo ciclo offre una variegata panoramica sul mondo del cibo, spaziando dalla ricerca scientifica alla sicurezza alimentare, con un'attenzione particolare alle informazioni utili ai consumatori in un'ottica di prevenzione e alla sostenibilità ambientale delle scelte di consumo alimentare.
Primo appuntamento – domani, 17 aprile, alle 17 presso la Fondazione FICO (spazio n°118 di FICO Eataly World) - con un viaggio di esplorazione nella complessità del microbiota umano. La ricerca scientifica evidenzia il ruolo centrale dei batteri presenti nel nostro intestino in molti aspetti fisiologici come nutrizione, metabolismo, funzionamento dei sistemi immunitario ed endocrino, e anche del sistema nervoso centrale. Studiato recentemente da uno dei relatori anche nella sua evoluzione durante una simulazione di viaggio di sei astronauti verso Marte, durante l’incontro sarà approfondito il suo ruolo nei diversi attori delle filiere alimentari, dal campo alla tavola.
A guidare il viaggio, dalle profondità delle comunità microbiche intestinali lungo i percorsi produttivi che precedono la nostra alimentazione, Marco Candela, ricercatore e professore dell’Alma Mater e fondatore di Wellmicro, spin off dell’Università di Bologna per l’analisi del microbiota, e Nicola Castaldini, medico internista, esperto in alimentazione ed educazione alla salute.
Si prosegue l'8 maggio con un'altra frontiera, l'utilizzo alimentare di insetti, su cui il dibattito è ancora molto aperto in Europa. Il 22 maggio e il 29 maggio, due appuntamenti sui principali aggiornamenti nel campo della sicurezza alimentare con i controlli ufficiali sul campo e nell'ambito dell'etichettatura alimentare, in continuo mutamento a livello normativo. In occasione della Giornata mondiale dell'Ambiente, il 5 giugno, si parlerà di aspetti ambientali legati all'alimentazione e sarà proposto un percorso interattivo di misurazione dell'impatto sull'ambiente e per la salute delle proprie scelte di consumo. Infine, il 19 giugno, l'ultimo incontro metterà a fuoco le evidenze scientifiche sul tema della nutraceutica, facendo chiarezza sui cosiddetti alimenti funzionali.
Data l’attualità dei temi trattati e l’alto livello di competenza dei relatori - professori universitari ed esperti sanitari regionali - gli incontri sono stati accreditati per il rilascio dei crediti ECM per tutti gli operatori di ruolo sanitario che si occupano in vario modo di sana alimentazione.
Il programma è disponibile sul sito web dell’Azienda USL di Bologna.


Porte aperte all’ISNB e all’Ospedale Maggiore dal 16 al 21 aprile.

L’(H)Open Week è promosso da Onda, Osservatorio Nazionale della Donna, in occasione della Giornata Nazionale della Salute della Donna

L'Azienda USL di Bologna informa:

Visite gratuite, info point e incontri aperti ai cittadini. Sono le iniziative proposte dall’ISNB e dalla Maternità dell’Ospedale Maggiore di Bologna in occasione dell’(H)Open Week promossa da Onda dal 16 al 21 aprile, per celebrare la Giornata Nazionale della Salute della Donna.
Gli appuntamenti dell’ISNB

Da lunedì 16 a venerdì 20 aprile, dalle 9 alle 16, i professionisti dell’ISNB e i volontari dell’AISM saranno a disposizione dei cittadini con un info point presso il Centro Riabilitazione Sclerosi Multipla dell’ISNB, primo piano del Padiglione Tinozzi all’Ospedale Bellaria.

Mercoledì 18 aprile, alle 17.30, La sclerosi multipla è donna: Alessandra Lugaresi, responsabile del Centro Riabilitazione Sclerosi Multipla dell’ISNB, affronterà la sclerosi multipla e l’impatto che la malattia può avere in particolari momenti della vita di una donna, come la gravidanza o la menopausa. L’incontro, pubblico, si svolgerà presso l’Aula Grande della Casa dei Risvegli, Via G. Gaist 6, Bologna, e vedrà l’intervento delle neurologhe del Centro, di una ginecologa e di una ostetrica dei consultori dell’Azienda USL di Bologna.

Sabato 21 aprile, alle 10, L’epilessia nella donna: età fertile, gravidanza e menopausa. Il punto di vista del neurologo e il punto di vista del ginecologo. Barbara Mostacci, neurologa dell’ISNB e Marinella Lenzi, ginecologa dell’Ospedale Maggiore, affronteranno i principali aspetti della gestione della epilessia e dell'uso di farmaci antiepilettici nella donna con particolare attenzione per i temi riguardanti sessualità e fertilità, contraccezione, gravidanza, puerperio e menopausa. L’incontro, pubblico, si terrà all’ISNB, via Altura 1/8, aula B, primo piano.
Gli appuntamenti della Maternità dell’Ospedale Maggiore

Visite ginecologiche gratuite ad accesso diretto, giovedì 19 aprile, dalle 8.15 alle 14, presso l’ambulatorio Day Hospital Ostetrico Ginecologico della Maternità del Maggiore. L’iniziativa è rivolta a donne con familiarità per tumore ovarico o mammario.
Per prenotarsi bisogna telefonare allo 051-647 8603 o scrivere a oncogineom@ausl.bo.it. La donna verrà ricontattata per fissare l’orario di appuntamento, fino a esaurimento dei posti disponibili.

Venerdì 20 aprile, invece, dalle 14.30 alle 16.30, presso l’aula Riunioni della Maternità dell’Ospedale Maggiore, i professionisti della Maternità dell’Ospedale Maggiore saranno a disposizione per dare informazioni e rispondere alle domande delle donne sul Percorso Nascita a Bologna. 

Bollini rosa 2018-2019

L’ISNB e l’Ospedale Maggiore dell’Azienda Usl di Bologna sono stati premiati lo scorso dicembre da ONDA, ciascuno con due bollini rosa, per l’offerta di servizi dedicati alle donne, dall’accoglienza e tutela della loro dignità, alla cura delle principali patologie femminili, oltre che per l’appropriatezza dei percorsi diagnostico terapeutico assistenziali.

La Maternità dell’Ospedale Maggiore, già premiata nel biennio precedente, si conferma quindi come un luogo di particolare attenzione alla salute della donna, testimoniata da esperienze come il Pronto Soccorso per le donne che hanno subito violenza, il Percorso Nascita, che integra Ospedale e territorio, l’Ambulatorio per il sostegno e la promozione dell’allattamento al seno e di quello dedicato alla manovra, delicata, di rivolgimento del feto podalico, e dall’autonomia professionale delle ostetriche nell’assistenza alla gravidanza e al parto fisiologico.
Diretta da Giorgio Scagliarini, la Maternità del Maggiore, nel 2017 ha assistito circa 3.000 parti, con un ricorso al taglio cesareo nel 25% dei casi, dato decisamente più contenuto di quello medio nazionale, pari al 35%.

Le esperienze dell’ISNB premiate da Onda riguardano, invece, il percorso dedicato alle donne con Sclerosi Multipla e l’Ambulatorio Epilessia e Gravidanza.
Il Centro Sclerosi Multipla, diretto da Alessandra Lugaresi, offre assistenza e percorsi dedicati alle donne in ogni fase della vita, come durante la gravidanza o nel periodo della menopausa. Il Centro segue ogni anno oltre 1.500 pazienti, un migliaio dei quali donne.
L’Ambulatorio Epilessia e Gravidanza, presente all’interno del Centro Epilessia diretto da Paolo Tinuper, assicura un percorso di presa in carico delle donne da prima del concepimento fino all'allattamento, per ottimizzare la terapia farmacologica nel periodo di pre-gravidanza e tenerla monitorata nelle fasi successive, in stretta collaborazione con le ostetriche e i ginecologi dell’Ospedale Maggiore e del Policlinico Sant’Orsola.
Nel 2017 sono state effettuate 150 visite e seguite circa 25 gravidanze.



Bologna più cara Emilia Romagna per acquisto casa

Prezzo medio 2.697 euro a metro quadro, Ferrara la più economica



Da ANSA


      Restano stabili in Emilia-Romagna, nel primo trimestre del 2018, i prezzi medi degli immobili in vendita cresciuti dello 0,4%. E' quanto emerge dall'Osservatorio sul mercato residenziale di Immobiliare.it secondo cui, in regione, il prezzo medio richiesto da chi vende un'abitazione è risultato pari, alla fine di marzo, a 1.946 euro al metro quadro, più della media nazionale che si attesta invece a 1.895 euro al metro quadro.
    Bologna, in base ai numeri raccolti, è la città più cara in cui comprare casa con 2.697 euro al metro quadro (con un incremento dell'1,5%), seguita da Rimini con 2.472 euro (+0,9%), Cesena con 1.914 euro (-0,7%), Modena con 1.902 euro (+0,7%) Ravenna con 1.867 euro (-0,3%), Parma con 1.831 euro (+0,2%), Forlì con 1.657 euro (+1,2%), Piacenza con 1.485 euro (-0,4%) Reggio Emilia con 1.479 euro (-0,4%) e Ferrara con 1.400 euro (-0,6%).


A fuoco una casa in via Panoramica di Grizzana Morandi.

 Fortunatamente una pattuglia di Carabinieri di passaggio ha dato l'allarme e ha portato fuori dall'abitazione due residenti già intossicati dal fumo.

Foto dei Carabinieri di Grizzana Morandi.

Questa notte, una pattuglia dei Carabinieri di Grizzana Morandi si trovava a Pioppe di Salvaro per un servizio di controllo, quando i due militari, il Comandante e un collaboratore, si sono accorti che una villetta a schiera in via Panoramica era avvolta da una coltre di fumo nero e denso che faceva pensare a un incendio piuttosto serio. I Carabinieri si sono diretti velocemente sul posto e hanno iniziato a bussare insistentemente al portone d’ingresso della villetta fino a quando non hanno visto uscire una coppia di conviventi sulla cinquantina in stato confusionale a causa del fumo che avevano già respirato e il figlio della donna, ventenne.
Dopo qualche minuto sono arrivati anche i Vigili del Fuoco, chiamati dai Carabinieri, che hanno spento le fiamme, verosimilmente scaturite dalla canna fumaria di una stufa a legna.
I due conviventi sono stati trasportati al Pronto Soccorso dell’Ospedale Maggiore di Bologna per accertamenti.

Dal Comando Provinciale Carabinieri Bologna