mercoledì 26 aprile 2017

E' morto Pietro Vicinelli. Domani i funerali a Carbona.

E' deceduto, strappato alla vita da un male incurabile, il grizzanese Pietro Vicinelli, conosciuto per la sua appassionata attività finalizzata al recupero dell'agricoltura collinare. 
Fra i primi, se non il primo, a tentare la coltura del farro sull'Appennino bolognese, era ora impegnato nel riportare in collina la coltivazione delle 'mela rosa romana' da cui si ricava un ottimo succo. A limitare le sue imprese, un difficile contenimento dei danni provocati dagli ungulati, principalmente i cinghiali e un demotivante impegno economico per assicurare l'allontanamento dei selvatici dalle colture.
I funerali, informa la sorella Angela, si terranno a Carbona, domani giovedì 27 aprile, alle 14.30.

Un suo caro amico ha dato la notizia del sua dipartita scrivendo di lui:

Ascolto l'ultima intervista in radio di un appassionato amico dell'agricoltura di montagna.
Questo penso sia il modo migliore per ricordare Pietro Vicinelli, che ci ha appena lasciato, così, improvvisamente, senza preavviso e certamente senza alcun desiderio di farlo, lui, lottatore montanaro senza pari, con sempre nuove idee e progetti da portare avanti.
Non esistono dubbi: la sua parte dei fioriti campi elisi sarà presto trasformata in rigoglioso frutteto. Senza recinto.
Ciao Pietro, e ... grazie, davvero.
Potete ascoltare e/o scaricare il file audio dell'intervista andando su questa pagina:

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Riposi in pace.

Anonimo ha detto...

non ci sono parole
rimarrai sempre tra di noi