martedì 25 aprile 2017

25 Aprile, Delrio a Monte Sole: «Qui dall’orrore è rinata la libertà» L’arcivescovo di Bologna, Zuppi: «Luogo di grandissima memoria, che ci aiuta anche a costruire il futuro»


Un lettore ha inviato:


Il giorno della Liberazione «è un giorno importantissimo per noi». Lo ha detto, ai microfoni delle televisioni, il ministro delle Infrastrutture e Trasporti, Graziano Delrio, intervenuto alla celebrazione del 25 aprile a Monte Sole, nel Bolognese, teatro dell’eccidio del 1944. «Qui - ha osservato - sembrava finisse tutto per l’orrore, il male, la guerra, invece è rinata la libertà, la democrazia. La nostra Costituzione nasce da questo giorno - ha concluso Delrio - da questa terra, da questo sangue che è stato versato: è un giorno importantissimo per noi».
 
ZUPPI: «MONTE SOLE CI AIUTA A COSTRUIRE IL FUTURO» - «Monte Sole e Marzabotto sono dei luoghi, è un unico luogo di grandissima memoria che ci apre alla storia non soltanto al passato ma al presente e che ci aiuta a costruire il futuro». Così l’Arcivescovo di Bologna, Matteo Maria Zuppi, intervenuto alla celebrazione del 25 aprile a Monte Sole, nel Bolognese, teatro dell’eccidio del 1944.


1 commento:

Anonimo ha detto...

_ ZUPPI: «MONTE SOLE CI AIUTA A COSTRUIRE IL FUTURO_
Probabilmente si riferisce all’energia fotovoltaica che si può trarre dal sole o all’energia eolica che si può ottenere posizionando pale eoliche sul monte, almeno così avremo energia elettrica disponibile.

Se invece si riferisce all’effetto liberatorio etico e morale della Resistenza è di molto fuori strada, a mio parere.
Tutte le sovranità riconquistate con la Resistenza, già a partirte dagli anni ottanta, sono state espropriate e rioccupate; la Costituzione inapplicata e riformata, la sovranità monetaria, la sovranità imprenditoriale,la sovranità militare ed ultimo la sovranità territoriale, pluff, sono sparite.
O belle ciao, o belle ciao, o belle ciao,ciao,ciao.