giovedì 17 maggio 2018

Achille Chillari di Lega Nord " Rendete utilizzabile il casello 'Sasso Marconi nord'

Lega Nord ha il referente per Sasso Marconi. 
E' il 33enne Achille Chillari, nato a Roma e trasferitosi a  Sasso Marconi nel 2004, dopo aver conseguito la maturità classica al Liceo statale Dante Alighieri di Latina.
Nel 2013 si è laureato in Storia all’Alma Mater di Bologna; sempre nel 2013 ha frequentato un Master in Formazione del personale a Reggio Emilia.
Nel contempo, dal 2011 ha iniziato un percorso formativo-lavorativo di Osservatore calcistico, lavorando con i club professionistici e nel 2014 quello di Procuratore Sportivo, la sua attuale professione. 
La passione politica lo ha poi affiancato al gruppo bolognese di Lega Nord con cui collabora con entusiasmo.


Ecco il suo primo comunicato dal titolo 'CASELLO AUTOSTRADALE E ASSENZA DI PROGETTUALITA’

A distanza di alcuni mesi dall’inaugurazione del Casello autostradale Sasso Marconi Nord, è forse ora di gettare le somme di quella che è la totale assenza
di programmazione dimostrata da questa amministrazione comunale.

Il tema della viabilità è o dovrebbe essere centrale per il nostro comune e invece continuiamo a vedere, da parte della Maggioranza che governa Sasso Marconi, segni sempre più tangibili che dimostrano come, su questa fondamentale tematica, si continui a navigare a vista.

Noi non siamo mai stati e non siamo contro quel progetto o contro qualunque opera che serva a potenziare il nostro martoriato territorio e le sue aziende, ma siamo anche consapevoli della centralità che ha il superamento del “nodo di Casalecchio”.

Un protrarsi di promesse, di tempi certi, diventati quantomeno dubbi e di dichiarazioni sui giornali di inaugurazione ripetute più volte dal Sindaco Mazzetti e poi finite di volta in volta in un nulla di fatto; a distanza di molti, troppi, anni, ecco finalmente che l’opera vede la luce e lo scorso 18 dicembre si svolge l’inaugurazione della stessa, ma con una grossa sorpresa, già anticipata da qualche mese: un casello completamente automatizzato, ma con entrata solo Telepass, evidenziando un limite insormontabile al suo pieno utilizzo, con episodi, non sporadici, di ingorghi causati da chi non è dotato di quel sistema.
Una vera follia, rivelatasi, nei mesi da quando è in funzione; da qui l’obiezione, di come cioè l’opera sia stata pensata “monca”, ricevendo dall’Amministrazione comunale risposte prive di contenuti oggettivi sulla problematica.

Ma a prescindere da questa considerazione, per le ragioni sopra riportate, siamo a chiedere che venga realmente completato il casello di Borgonuovo
(ora chiamato Sasso Marconi Nord) con la possibilità di pagamento in sportello automatizzato con carta di credito, bancomat o contanti.

Per la Lega Nord di Sasso Marconi,
Achille Chillari
Tel: 392-0054867
email:chillariachille@gmail.com


6 commenti:

Anonimo ha detto...

Bravo Chillari ! Se la Lega Nord farà il governo si impegni fin da subito a realizzare ciò.

Anonimo ha detto...

Più che il problema Telepass, siamo nel 2018 ed anche i miei genitori che hanno 70 anni lo usano, vorrei capire in termini di sicurezza chi ha progettato gli svincoli di entrata e uscita, se ha mai percorso quell'autostrada e si è accorto che c'è un autogrill vicino.
Le corsie di ingresso e di uscita, si intersecano con chi deve entrare/ uscire dal Cantagallo.
Più utilizzo il nuovo casello più ho paura a farlo.

Anonimo ha detto...

finalmente la Lega ha trovato un ragazzo a posto.
Bravo Achille !

Anonimo ha detto...

Ho più di 70 anni e uso quel casello molto tranquillamente. Vero che prima dell'uscita dall'autostrada c'è un autogrill ma, come in tante altre situazioni stradali di svincoli, occorre fare attenzione. Ma noi oggi abbiamo forse sempre troppa fretta e non possiamo aspettare gli altri.
Se ben ricordo, quando è stato progettato quel casello, eravamo attorno all'anno 1990/2000, era già da allora programmato con solo telepass. basterebbe andare a riguardare i documenti che sono in tutti i comuni interessati dalla variante di valico!

Anonimo ha detto...

Va bene implementare, ma poi bisogna anche allargare accesso..altrimenti la comodità sparisce del telepass (ben indicato il suo unico utilizzo per usufruirne) dovuto alle code che si formeranno con quelli che si fermeranno a pagare o ritirare biglietto

Anonimo ha detto...

Vedrete che prima o poi se quel casello non verrà adeguato con altre forme di pagamento qualche magistrato lo farà chiudere. Non si può costringere i cittadini a munirsi di telepass e non si possono rifiutare di accettare il contante in pagamento.