sabato 3 giugno 2017

A Crevalcore, droga e 'lupara'.


Foto dei Carabinieri San Giovanni in Persiceto
I Carabinieri perquisiscono la casa di uno spacciatore e non solo trovano stupefacente, ma anche una lupara.

É successo ai Carabinieri di San Giovanni in Persiceto che hanno arrestato M.C., trentatreenne italiano, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e detenzione abusiva di armi. Il soggetto è finito in manette mentre si trovava all’interno della sua abitazione di Crevalcore, località che i militari hanno raggiunto nel corso di un’indagine anti droga, da cui era emersa la possibilità che lo stesso fosse coinvolto nel traffico locale di sostanze stupefacenti.
L’ipotesi è stata confermata dal ritrovamento di un involucro di cocaina del peso di 5,4 grammi e due bilancine di precisione che il pusher nascondeva in bagno assieme a una busta contenente un fucile a canne mozze tipo 'Lupara', una rivoltella e diversi proiettili, a palla e pallettoni, calibro 12, dall’effetto devastante. Le armi non erano state denunciate e la loro provenienza, ancora ignota, è al vaglio degli inquirenti che stanno cercando di capire se siano state usate per commettere dei crimini violenti, poiché il trentatreenne è una persona socialmente pericolosa, facile all’ira e gravata da numerosissimi precedenti di polizia per reati contro il patrimonio e la persona. Su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, l’arrestato è stato tradotto presso la Casa Circondariale di Bologna.    
Dal Comando Provinciale Carabinieri Bologna


1 commento:

Anonimo ha detto...

Socialmente pericoloso, violento ecc. gravato da numerosissimi precedenti...gentaglia così deve stare ai lavori forzati.non in giro tranquilla, e grazie al cielo lo hanno beccato...salvo il buon magistrato di turno che lo rimetterà in libertà.
Solito schifo della magistratura e un grazie alle forze dell'ordine che troppe volte vedono vanificare i loro sforzi.