giovedì 29 giugno 2017

E' molto 'caldo' il confronto politico a Marzabotto ?



Sempre più tesi i rapporti consiliari in comune di Marzabotto, al punto da far perdere le staffe e il bon ton politico.
Si racconta infatti che a un incontro della consulta tra il sindaco Romano Franchi e il consigliere di opposizione Morris Battistini  siano volate parole ‘grosse’ e anche qualche spintone.
Il tutto è iniziato dopo che da uno del pubblico erano state pronunciate parole pesanti verso la consigliera di opposizione Maria Francesca Carbonaro, collega di Battistini. Questi , presente all’incontro, avrebbe rinfacciato al sindaco, seduto al tavolo dei relatori, di non avere difeso una componente del  consiglio comunale, per di più donna. Il primo cittadino avrebbe replicato chiarendo di non avere sentito le parole offensive. A questo punto Battistini ha accusato con veemenza il sindaco di essere un bugiardo. Da qui son partiti  lanci di bottigliette di acqua minerale e ‘prese per il bavero’, sotto gli occhi allibiti dei presenti.
 Il fatto sarebbe comunque una conseguenza dei rapporti già difficili tra i due da tempo. Per di più, saranno ancora più tesi per l’arrivo al vaglio consigliare di una debacle giudiziaria che comporterà l’esborso per il Comune di 47.000 euro. Ancor prima della vittoria elettorale di Romano Franchi , l’ente indisse un bando per un lavoro pubblico. L’azienda che vinse la gara però, pur avendo pagato la cauzione, dopo 40 giorni rifiutò il lavoro. Il Comune si trattenne la cauzione e indisse una nuova gara che però comportò un aggravio di costi per la realizzazione del lavoro. L’ente quindi si rivolse al tribunale  perché la ditta che aveva dato forfait si accollasse gli oneri aggiuntivi per le casse comunali. Il giudice diede ragione al Comune e condannò la ditta a risarcire. Questa pero ricorse in appello e il secondo giudizio ha ribaltato l’esito giudiziario per cui il Comune si è trovato a dover restituire la somma introitata gravata degli interessi. La variazione di bilancio necessaria al reperimento dei 47.000 euro  si teme che sarà infuocata.  A rendere ancor più caldo il clima torrido del consiglio comunale in questo inizio d’estate c’è ora il rifiuto del primo cittadino di porre alla discussione consiliare la mozione relativa ai fatti di Milano, quando un poliziotto uccise il terrorista responsabile dell’attentato del mercatino di Berlino. Un marzabottese postò su face book un suo commento di forte critica e feroce condanna del poliziotto perché  rappresentato in foto a Predappio, in un atteggiamento compromettente. La reazione di Battistini fu allora quella di preparare un ordine del giorno con cui invitava il Consiglio comunale a prendere le distanze da questo tipo di affermazioni. Allora fu consigliato a Battistini di riorganizzare l’ordine del giorno in mozione. Cosa che il consigliere ha fatto, ma ha solo rimediato un diniego alla messa in discussione del Consiglio. 

La mozione di Battistini:

Il chiarimenti del sindaco Franchi 
 

13 commenti:

Anonimo ha detto...

Stasera alle 20,30 c'è in programma il Consiglio COmunale

http://www.comune.marzabotto.bo.it/servizi/Menu/dinamica.aspx?idArea=16612&idCat=32696&ID=32696&TipoElemento=categoria

Anonimo ha detto...

Battistini mi piace un sacco, è attinente, fedele alla linea.E' nostrano. Ti spara una mozione come se fosse antani, e nulla puoi dirle.Il commento social va discusso in sede istituzionale, non alla domenica alle Case Giardino.
Alessandro

Anonimo ha detto...

Era chiaro che, prima o poi, al Signor Battistini una scrollata al gabanno qualcuno la avrebbe tirata. A furia di fare provocazioni e populismo è chiaro che a qualcuno prima o poi la pazienza doveva finire!

Anonimo ha detto...

eccoli i veri democratici, coloro che appoggiano e incentivano la violanza per contrastare l'avversario politico. i soliti compagni rossi.
Solidarietà al consigliere di Marzabotto che nonostante tutto quello che subisce ogni giorno, ha ancora la forza e la grinta di farsi valere nel rispetto del voto che gli è stato conferito.

Bravo Morris.

Anonimo ha detto...

Finalmente assistiamo ad una vera e propria opposizione politica a Marzabotto ma in tutto l'appennino al completo. Morris Battistini al di là della veemenza che mette nelle cose (che va bene per territori come questi) entra nelle questioni, si informa e le conosce prima di trattarle. Questo è quello che fa di lui un futuro politico importante anche in uno scenario ben più grande di Marzabotto.

Anonimo ha detto...

30 giugno 2017 11:15...purtroppo la verità brucia a tutti, e battisitini fa bene a spararle in faccia

Anonimo ha detto...

non un marzabottese ma IL marzabottese

http://notiziefabbriani.blogspot.it/2016/12/marzabotto-web-scatenato-per-un.html

http://www.ilgiornale.it/news/politica/i-due-agenti-sono-fascisti-e-sono-buoni-solo-se-morti-1346206.html

http://www.ilgiornale.it/news/cronache/coisp-sinistra-vigliacchi-senza-onore-noi-difendiamo-1346278.html

Anonimo ha detto...

Esattamente Battistini chi?

Anonimo ha detto...

Battistini il consigliere Comunale che ha portato finalmente un po di chiarezza e informazione VERA a Marzabotto.
Fatevene una ragione, Battistini c'è e al momento è quello più quotato in appennino.

Anonimo ha detto...

Oggi è un anno dalla strage di Dacca nella quale i terroristi islamici assassinarono 9 lavoratori italiani. Sicuramente nella Casa della Memoria di Marzabotto ci sarà grande mobilitazione per ricordare questi innocenti lavoratori migranti italiani vittime del razzismo religioso. Vero?

Anonimo ha detto...

Una standing ovation al Sindaco.
Basta farsi dettare l'agenda da questi speculatori che devono distrarre dal buon governo che realizza le opere mentre il nostro gira con i SUV pagati da mammà.

Anonimo ha detto...

Bravo Morris continua così.

Dante Franchi ha detto...

Buongiorno dott. Fabbriani, premesso che io non ero presente e che perciò non conoscendo i fatti mi astengo dal giudicarli, una via però mi colpisce nel suo articolo.
A parte i commenti dei soliti coraggiosi anonimi che, conoscendo la spiccata passione per gli autoscatto, potrebbero anche essere classificati come autocommento, mi colpisce il titolo del suo articolo.
Mi pare in realtà un segno dei tempi che vive ciò che resta della politica e del confronto politico.
Io non credo infatti che davvero si possa attribuire la dignità di confronto politico alle vere e proprie sciocchezze del nostro.
Il confronto politico, anche aspro e determinato, è il sale della democrazia, e di questo nei comportamenti di questo non v'e' traccia alcuna.
Io non sono un giornalista e non saprei come fare ma credo che lei potrà facilmente trovare espressioni più appropriate per descrivere l'iniziativa del capogruppo. O meglio, le frequenti iniziative di cui delizia da un po di anni la nostra Comunità.
Un cordiale saluto.